inserito 29/09/2010

Michael Weston King
I Didn't Raise My Boy to Be a Soldier
[
Valve Records  2010
]



Per i pochi fra voi che avranno conservato un ricordo di Michael Weston King, forse riuscirete ad associare il suo nome ai Good Sons, piccola lodevole meteora del rock delle radici attecchita niente meno che in Inghilterra (ma con il cuore rivolto al deserto americano) e che fece parlare di sÚ alla metÓ degli anni Novanta. Una manciata di lavori onestissimi e con un'anima talmente invischiata nella polvere nel linguaggio roots da attirare le attenzioni della stessa scena texana, dove il gruppo finý per registrare e suonare (Austin) con un contratto per la ormai defunta Watermelon (in Europa fu la Glitterhouse a concedere una chance al gruppo). Dai tempi di Singing the Glory Down, Wines, Lines & Valentines e Angels in the End sono passati una quindicina di anni e nel frattempo Weston king si Ŕ lasciato alle spalle i vecchi compagni, i ricordi, le occasioni mancate, per dare seguito ad una carriera solista se non altro costante e prolifica, che Ŕ arrivata a superare la decina di titoli fra dischi di studio e live. In questo percorso, che francamente abbiamo tralasciato un po' distratti, il nuovo I Didn't Raise My Boy to Be a Soldier occupa senza dubbio un luogo a parte, tanto Ŕ rapito dalla sua integerrima dimensione folk da battaglia.

Una raccolta, in gran parte di cover e con tre soli brani inediti firmati da Weston King, che riporta in superficie la dignitÓ della canzone di protesta, cercando disperatamente di legarla ai tempi moderni e a quella lunga fila di bare di soldati inglesi che hanno sfilato negli ultimi anni, di ritorno dall'Iraq e dall'Afghanistan. ╚ lo stesso Micheal Weston King a esporre le ragioni di un simile progetto nelle note interne, partendo dalla folgorazione avuta leggendo un articolo della giornalista del Guardian Audrey Gillan nel febbraio del 2010. Da quel momento di rivelazione Ŕ nata Hey Ma I'm Coming Home, brano autografo insieme all'iniziale In Time e In Spain The Dogs are Too Tired to Bite You. Gesto nobile e sentimento inattaccabile per un songwriter che non ha vergogna di esporre le sue rimostranze sulla sorte del suo paese e del mondo intero, anche se l'iconografia musicale scelta per riempire gli spazi di I Didn't Paise My Boy to Be a Soldier Ŕ sin troppo ligia all'esperienza del folk revival.

Un piccolo kit di batteria (Rob Bon Homme), mandolino e pedal steel a infondere qualche tocco rurale (Alan Cook), un'armonica di rigore in questi casi, la chitarra acustica onnipresente in primo piano e abbiamo giÓ toccato l'essenza: peccato che tutto o quasi appaia come un souvenir del passato. Fosse uscito una quarantina di anni fa (e forse anche qualcosa di pi¨), non ci saremmo minimante accorti della differenza: tra un paio di immancabili omaggi a Phil Ochs (Cops of the World, Is There Anybody here?), un ripescaggio dovuto di Bob Dylan (I Pity the Poor Immigrant, dal capolavoro John Wesley Harding) e molte pi¨ "oscure" folk song e blues di un'epoca dimenticata (si passa dalla title track di Alfred Bryan alla High Price Blues di Sykes Roosvelt, fino alla nota Simple Song of Freedom di Bobby Darin), il disco scorre dentro un tempo parallelo e isolato. AvrÓ la forza di farsi sentire?
(Fabio Cerbone)

www.michaelwestonking.com
www.myspace.com/michaelwestonking



<Credits>