inserito 14/11/2011

Adam Cohen
Like a Man
[
Cooking Vinyl 2011
]



Al pari di altri figli di personaggi che hanno fatto la storia della musica, anche Adam Cohen ha deciso di seguire le tracce del padre, scegliendo di tornare, dopo alcuni album commerciali, alle sue radici e alla musica che ascoltava da bambino.. Nato in Canada, ha vissuto la sua infanzia con la madre Suzanne Elrod, dopo che i genitori si separarono vivendo tra Parigi, l'isola di Hydra (Grecia), il Greenwich Village e L. A. Ha imparato, a soli 12 anni, a suonare la chitarra, la batteria e il piano. Il suo omonimo debutto del '98 era un tentativo di scalare le classifiche con un pop commerciale e ammiccante alla Michael BublŔ, che non lasci˛ molte tracce a parte un incoraggiante "promising". Questo mezzo passo falso lo port˛ nel 2004 a fondare un proprio gruppo, i Low Millions, e a incidere un album completamente in francese dal titolo "Melancolista". Poi il silenzio per 7 lunghi anni, rotto da questo sua terza raccolta che, come dimostra il titolo, Ŕ una scelta definitiva a essere l'uomo che ha sempre voluto essere, il songwriter che ha sempre desiderato diventare. L'ombra del padre Ŕ presente in tutto l'album, costruito su una strumentazione ridotta all'osso che comprende il piano, la batteria sempre suffusa da parte del polistrumentista Michael Chavez insieme alla brava Mai Bloomfield ai cori, alla slide e al violoncello.

La musica di Cohen Jr. Ŕ lenta, espressiva, malinconica, ricca di poesia e parla di amori voluti e sofferti, di amori persi e ritrovati con una voce a tratti simile a quella del padre e almeno tre grandi canzoni che meritano di essere ascoltate e che fanno bene all'animo. What Other Guy ricorda indubbiamente Leonard (ha qualcosa di So Long Marianne) anche se gode di vita propria con quel coro a pi¨ voci che non pu˛ non farti provare un brivido sulla schiena. Impossibile non rimanere incantati dalla fragilitÓ ed emotivitÓ della titletrack, sussurrata in punta di piedi, accompagnata dalla grazia di pochi accordi di chitarra e da un organo in sottofondo. La ballata evidenzia anche la bravura di Adam come autore, con testi ricchi di poesia che onorano il suo cognome come l'iniziale Out Of Bed, scritta dieci anni fa e che musicalmente rimanda al miglior Jeff Buckley. Regna la calma nella notturna Matchbox e nell'intima Lie Alone, che ricorda "Bird On A Wire". Overrated Ŕ una ballata umorale e acustica ben costruita dai tratti molto soulful, mentre Sweet Dominique Ŕ l'ultimo capolavoro dell'album: il perfetto connubio tra malinconia, emotivitÓ e voglia di amare la vita. Adam dimostra di saperci fare: saltate l'ostacolo, spesso ingombrante, del cognome famoso e dategli una possibilitÓ. Se lo merita.

Adam Cohen dal vivo
Madrid Sala El Sol 28/10/2011
H. 24.00 "Por favor appagais los mobiles", mettetevi comodi e venite vicino al palco raccomanda Adam prima di intonare What Other Guy, uno dei brani pi¨ riusciti del suo nuovo album. Se la cava ben con lo spagnolo e si scusa se alcune sue canzoni sono troppo malinconiche. Canta Sweet Dominique insieme alla brava Mai Bloomfield alla seconda voce (che ha aperto il concerto) Girls This Day e Matchbox dall'ultimo album. Arrivano le sorprese, con una versione strappalacrime di What's Going On di Marvin Gaye e una di Bird On a Wire da brividi sottopelle. S'intrattiene con il pubblico, parlando della vita condivisa tra madre e padre e dei diversi posti dove ha vissuto. E' cordiale, scherza e persino offre due bottiglie di tequila ad alcuni presenti. L'intimitÓ regna in tutta la sala costipata da non pi¨ di 50 persone attente e concentrate a non perdere una nota del concerto. Il finale Ŕ affidato a una bellissima, intensa versione di So Long Marianne, con la band e tutto il pubblico a ripetere il ritornello. E a tratti chiudendo gli occhi si aveva la sensazione di ascoltare il grande Leonard. Out Of bed Ŕ il gradito bis che strappa gli applausi degli entusiasti presenti per un concerto inaspettato per intensitÓ e intimitÓ. Raccomandabile veramente. P.S. il 03/12/11 sarÓ a Milano per l'unica data italiana
(Emilio Mera)

www.adamcohen.com


  


<Credits>