Gold Star
Big Blue
[
Autumn Tone Records
2017]

autumntone.com/artist/gold-star

File Under: west coast renaissance

di Fabio Cerbone (01/07/2017)

Agrodolce ballata in onore della terra di California questo Big Blue, terzo lavoro indipendente di Marlon Rabenreither, in arte Gold Star. Tutto o quasi parla di luoghi, persone, immaginari vissuti nell'eldorado americano, o quello che ne Ŕ rimasto. A giudicare dall'intensitÓ con la quale Gold Star descrive i suoi sentimenti, il fascino un po' decadente eppure irresistibile di L.A. e della sua tradizione musicale continua a mietere vittime, buon ultimo un ragazzo di origini austiache, nato a Vienna e approdato negli States a quattro anni, cresciuto tra gli orizzonti della Pacific Coast Highway, fantasticando stagioni di musica e letteratura che hanno educato intere generazioni.

Lui ci prova direttamente sul campo, accetta la sfida e sforna un disco breve, disseminato di ballate e tempi medi che hanno il sapore dell'alternative country pi¨ melodioso, della canzone d'autore che si abbevera alla fonte folk rock del Laurel Canyon, seguendo un filo rosso che conduce da Neil Young a Ryan Adams, passando per il Jeff Tweedy pi¨ languido degli esordi, quello ancora invaghito della campagna roots in Being There, e l'ultimo Grant Lee Phillips. Alcune suggestioni di un album che sarÓ troppo facile accusare di scarsa originalitÓ e che pure mette in fila tredici canzoni rotonde come non si sentivano da tempo in mano a uno sconosciuto, armoniose nel cullare un sound elettro-acustico che non conosce cali di tensione. Gold Star punta tutto sulle passioni di Marlon, che cita Raymond Chandler e John Fante, dedica Sonny's Blues all'intellettuale nero James Baldwin (da un omonimo racconto di quest'ultimo) e vagheggia tra i fantasmi di Bukowski e Jack Kerouac.

Il tutto si traduce in storie e volti personali che si perdono nelle stanze di Big Blue, dal nome del grande caseggiato in quel di Hollywood dove Rabenreither vive insieme ad un'altra trentina di giovani artisti e sognatori e dove il disco in questione Ŕ stato registrato tra una cucina e un salotto. Lo scatto di copertina rende bene l'idea e il bianco e nero aumenta l'attrazione per un'agognata West Coast, lÓ dove il romanticismo di Blue Moon incontra il country rock It Ain't Easy e Come With Me, materiale che pare sbucare tra un sessione di Gold di Ryan Adams e una di Harvest di Neil Young (l'attacco di San Francisco Good Times e i languori della pedal steel sono un tuffo al cuore e un colpo basso nello stesso tempo). La sceneggiatura Ŕ solida e regge proprio nello schema fisso che propone: brani brevi e dritti all'anima del songwriter, raramente oltre i tre minuti, con un sobbalzare docile tra acustiche e pianoforte, soffi affettuosi di armonica, e un'elettricitÓ mai esibita, semmai al servizio costante della canzone, come avviene in St. Vincent De Paul's e Deptford High St., qualche volta sfruttando la naturale coralitÓ di questa musica, fra l'intreccio con le voci femminili (Analisa Knows, Be Here Now).

Logico pensare che ci sia ancora spazio per far germogliare tali composizioni, catturate con un senso di onestÓ in presa diretta, due giorni in studio con i diversi musicisti raccolti intorno alla voce di Rabenreither. Nel frattempo Gold Star, oltre ogni legittima critica sulle ispirazioni musicali rubate, ha dato forma ai suoi sogni californiani con una raccolta che brucia di una rara intensità giovanile.


    


<Credits>