Jade Jackson
Gilded
[
Anti/ Self
2017]

jadejackson.com

File Under: alt-country muse

di Fabio Cerbone (01/06/2017)

Se ti scegli Mike Ness come mentore e produttore, sveli giÓ molto della tua visione sulla musica americana, su un certo immaginario rock'n'roll colto dalla strada e naturalmente su tutto un bagaglio di radici e il loro cortocircuito con le chitarre elettriche. Jade Jackson Ŕ una ragazza californiana cresciuta tra small town e pomeriggi sonnolenti nel ristorante 'fai da te' di mamma e papÓ, due freak nello spirito, stabilitisi a Santa Margarita senza connessioni con il mondo, se non una chitarra e i dischi che la famiglia teneva in casa. Johnny Cash il primo eroe dai solchi di un vinile, poi tutti gli altri, con una dieta a base di country e punk rock, come prevede un certo copione: che sia pi¨ o meno costruito poco importa, Jade comincia a scrivere canzoni e stralci di poesie a tredici anni, affina l'arte negli anni del college e debutta giovanissima davanti a un microfono, facendo poi da spalla a qualche maestro.

Una conoscenza familiare comune - la fortuna gioca sempre la sua parte - la conduce nelle braccia del ribelle leader dei Social Distortion, che applica un po' della sua filosofia a questo esordio in casa Anti, intitolato Gilded. Il suono incrocia infatti un roots rock robusto con le sfumature noir di certo alternative country e la sezione ritmica si concede a volte all'eco lontana dello stantuffo rockabilly: facile dirigersi verso la produzione solista di Ness e pi¨ in generale verso quel country rock californiano che ha preso piede dalle ceneri degi X e degli stessi Social Distortion, in pausa dalla rivoluzione punk. Gli agganci ci sono tutti in Trouble End e nelle pi¨ tese trame di Good Time Time Gone o della fascinosa Motorcycle, anche se Jade Jackson possiede una sua personalitÓ ben formata e un songwriting che declina il tutto con un sensibilitÓ femminile e una predilezione per ballate e tempi medi.

Accade nell'apertura di Aden e diventerÓ la sceneggiatura principale dell'intero Gilded, dal suono roots gentile e finemente elettrico di Back When e Bridges, che rircordano la canadese Kathleen Edwards (ancor di pi¨ nel finale di Better Off) passando per la pigrizia sudista di Lucinda Williams, fino alle gioie fluide della pedal steel di Greg Leisz (un calibro da novanta che partecipa alle sessioni) ad abbellire e smussare gli angoli in Finish Line. Insieme al violino dell'ospite Sara Watkins, essenziale nel condurre la melodia della stessa title track, Ŕ uno degli strumenti che imprimono il forte e agrodolce accento country all'album, senza pensare di reinventare nulla, ma facendo girare la ruota nel verso di una tradizione rivisitata con espressivitÓ e versi che sono confessioni, desiderio, affermazione di sÚ e della propria indipendenza di donna.


    


<Credits>