Il ritorno di un autentico outsider: potremmo riassumere semplicemente così la chiusura della nostra stagione musicale. Era accaduto ormai più dieci anni fa, albori di questo sito, con un allora giovane e ambizioso Ryan Adams che si affacciava alla carriera solista; si era ripetuto in tempi recenti con l'exploit improvviso di un tenace troubadour texano, Ryan Bingham; si conferma oggi nelle note di Barn Doors and Concrete Floors, disco "piccolo" e indipendente, assolutamente fuori dalla vista (negli States non lo conosce ancora nessuno, o quasi) come si conviene allo spirito controcorrente di questa rivista, che impone Israel Nash Gripka - uno che già dal nome sembrava destinato alla sconfitta - come il sanguigno talento del circuito Americana del 2011. Ha sbancato le nostre e le vostre scelte senza alcuna concorrenza che potesse minimamente intimorirlo: lo ha fatto con pochissimi mezzi a disposizione se non eterne, buone canzoni, un suono riconoscibile e una personalità che ha potuto immediatamente confermarsi dal vivo, non solo grazie a un disco live molto apprezzato, ma anche con lo stesso tour italiano, che in luoghi sperduti, in pieno spirito da provincia rock insomma, ha sancito lo spessore di questo ragazzone del Missouri.

Tutto ciò è il segno, forse, che c'è ancora speranza là fuori, fra chi cerca e chi non si accontenta di quello che "deve essere" il gusto del momento ( l'hype direbbero 'loro' con una di quelle brutte parole), schiacciati fra il presunto presente e il possibile futuro del rock'n'roll che per molti, va da sé, è già morto da tempo immemore, oppure muore ciclicamente ad ogni cambio di stagione, tanto fa sempre notizia...


Il 2011 è stato anche l'anno in cui, più di altri, abbiamo visto mischiarsi presenze fedeli e nuovi virgulti, fuoriclasse e gregari, gente che magari ha lavorato per troppo tempo nelle retrovie: tra gli altri ci piace sottolineare le conferme di Jesse Sykes e Bill Callahan, fra psichedelia e folk austero; il ritorno in gran spolvero di Ry Cooder tra gli intramontabili classici e Pj Harvey nel rock d'autore più tormentato; l'emersione di Grayson Capps per gli orfani "sudisti"; e ancora, nelle posizioni di stretto rincalzo, i graditissimi ritorni di Jason Isbell, William Elliot Whitmore e Laura Marling. Tutto questo mentre su entrambi i versanti delle classifiche si affacciavano le assolute certezze di Lucinda Williams e Gillian Welch, nostre signore dell'Americana di ieri e di oggi, ancora sulla cresta con opere degne del loro blasone, oppure i grandi saggi Dave Alvin, Tom Russell e Steve Earle. E non va certo dimenticato un Ryan Adams tornato nelle vesti di accorato folksinger e apprezzabile cesellatore di ballate, mentre i Decemberists si trasformano soprendentemente nella band più "roots" del momento e i Wilco non fanno mai mancare il loro graffio, con una presenza persino scontata e inoppugnabile, tanta è la qualità medio-alta che hanno saputo offrire in questi anni. Il resto (ci sono anche i libri, non ve ne dimenticate), compresa qualche sensibile (e sacrosanta) divergenza fra redazione e visitatori, scopritela da soli nel consueto viaggio alla rilettura di un anno 'rootshighuiano'


Questa edizione dei nostri annuali oscar la dedichiamo con tutto il cuore alla memoria di Carlo Carlini, uno dei "cercatori" che ha contribuito a diffondere quello spirito che pensiamo appartenga da sempre anche a RootsHighway.

In ordine sparso estendiamo la dedica anche agli spiriti di Clarence Clemons, Bert Jansch, Jackie Leven, Charlie Louvin (Louvin Brothers), Marshall Grant (Johnny Cash Tennessee Two), Jack Hardy, Pinetop Perkins, Hubert Sumlin, Calvin Russell...


RootsHighway Top 50 2011

(Scorri la classifica completa del sito)
       


 
:: LE VOSTRE SCELTE
"La classifica dei lettori di RootsHighway"
 :: LE NOSTRE SCHEDE
"La redazione ha votato così"
   
   
 

:: UNDER THE RADAR
Outsiders & outtakes: americana, indie rock, new folk, dischi sparsi da non dimenticare

 

:: MADE IN ITALY
Roots, Americana e indie music 'Made in Italy'

   
   
 

:: LIVE, BOXES & TRIBUTES
I dischi live dell'anno, le ristampe, i cofanetti a tema RootsHighway

 

:: BOOKSHIGHWAY
i libri di RootsHighway del 2011