Rich Hopkins and Luminarios
Buried Treasures
[
Blue Rose  
2012]

www.richhopkins.org
www.bluerose-records.de


File Under: desert rock

di Fabio Cerbone (21/04/2012)

Rich Hopkins non sta fermo un secondo, tanto pi che la Blue Rose, sua fedele etichetta da una quindicina d'anni, pare spalleggiarlo in ogni singola iniziativa, senza badare troppo alle regole del music business (ne esistono ancora?). Sono passati soltanto pochi mesi dalla pubblicazione di una doppia testimonianza dal vivo (inclusa una versione in dvd) del tour europeo, che il chitarrista e autore dell'Arizona rispolvera la sigla Luminarios, una dozzina di membri onorari, tra cui il chitarrista aggiunto e pianista Joe Sanchez, che nel corso degli anni sono stati la valvola di sfogo del nostro, alle prese con un rock desertico e grondante di feedback. Buried Treasures sospende in parte la collaborazione a quattro mani con la compagna Lisa Novak (un paio di lavori in coppia che non hanno prodotto artisticamente i frutti sperati), se vero che quest'ultima firma quasi tutti gli episodi, mantenendosi per a debita distanza e lasciando il canto nonch l'intera guida spirituale del progetto al solo Hopkins.

Il quale, sia chiaro, si riprende tutto con gli interessi, dando fuoco alle polveri con un sound livido e chitarristico che recupera certa espressivit tipica dei suoi album di inizio anni 2000 (da My Lucky Stars a Tinitus). Siamo nella "serie b" pi nobile del rock americano, quella di gente come Chris Cacavas (Green on Red) o Russ Tolman (True West), eroi minori della stagione post punk anni '80 folgorati sulla via dei Crazy Horse e del Neil Young pi livido. Il punto di riferimento quasi ossessivo e lo sempre stato anche per Hopkins, che ricalca fedelmente le sue ballate elettriche sulle visioni di Cortez the Killer e Like a Hurricane: si potrebbe iniziare dalla lunga cavalcata, sette minuti abbondanti, di Friend of the Shooter, testo narrativo con una base musicale che la quintessenza del "cavallo pazzo". Il muro di feedback e chitarre scorticate simile, con la pazienza di sorreggere la canzone mantenendo un cuore melodico. Da qui l'idea che il suono dei Luminarios sia allo stesso tempo debitore di certa morbida psichedelia californiana, magari passando attraverso i Byrds: un briciolo di queste infatuazioni finisce dritto nelle trame di See How They Run e Outta My Head (Outta My Mind), mentre A Stone Throw e Beetcha Gotcha Now! vivono di rendita su quel marchio di fabbrica che Rich Hopkins va difendendo fin dalla lontana stagione con i Sand Rubies, prima rock'n'roll band da lui guidata sotto le insegne di quello che allora chiamavamo Paisley Underground.

Non manca mai infine quel forte legame con la terra messicana, proprio l oltre il confine, oggi evocata nella storia di immigrazione e speranza di Alycia Perez, cantata in spagnolo con la leggenda locale di Tucson, Salvador Duran. l'episodio pi singolare di un disco che si chiude fra gli strumentali Good Morning (ritornano a stridere le chitarre) e Sweet Dreams, Lisa (dall'impianto acustico): come dire che l'ispirazione dei Luminarios poteva arrivare fino ad un certo punto, poi occorreva riempire i vuoti. Nonostante tutto, Buried Treasures rimane l'oggetto migliore tirato fuori dal cinlindro di Rich Hopkins da parecchio tempo a questa parte: per i capolavori rivolgersi ad altri, qui si fa il lavoro sporco.


   


<Credits>