David Newbould
Tennessee
[
David Newbould
2013]

www.davidnewbould.com


File Under: country rock, Americana

di Davide Albini (25/09/2013)

David Newbould concepisce le sue canzoni come il risultato dei suoi spostamenti: come dargli torto, visto che la biografia del musicista, canadese di Toronto, Ŕ davvero un simbolo del vagabondaggio tipico di certo immaginario nord-americano. Appena maggiorenne si stabilisce a New York, inseguendo i sogni di rock'n'roll di quell'etÓ, quindi scopre la canzone d'autore e la tradizione, spostandosi ad Austin, luogo ideale per conoscere e farsi conoscere nel circuito, infine dal 2009 trova casa a Nashville, dove risiedono l'industria che conta e i musicisti migliori sulla piazza, con i quali comincia a misurarsi. Lo avevamo scoperto grazie a The Long Way Home, un disco live che riuniva in parte inediti e in parte il meglio dei precedenti Ep pubblicati in Texas, prima del vero e proprio esordio di studio, che oggi trova l'ideale seguito con Tennessee, forse l'album della definitiva maturazione di Newbould.

╚ in effetti un convincente prodotto di Americana, dove ballate elettriche e un certo profumo di heartland rock si incontrano con la campagna alternative country, mettendo d'accordo la musicalitÓ di Ryan Adams con la pelle dura di storyteller alla Chris Knight. Sapore di polvere e strada, chitarre sudiste, sonoritÓ roots ma con un occhio di riguardo per la melodia e quei "tempi medi" che hanno spesso fatto la fortuna del genere. Si comincia con una Always Coming Home dal forte accento rurale (starebbe bene in un lavoro di Lyle Lovett) e si sconfina subito nel timbro stradaiolo di Don't Give Me your Heart: lo stile di Newbould Ŕ inconfondibile per albero genealogico, capiamo subito da dove arriva la sua ispirazione, senza per questo trovarci di fronte ad un clone senza personalitÓ. Tutt'altro, la produzione di Ben Strano (ha lavorato, guarda caso, con Chris Knight e Dan Baird, quest'ultimo presente nelle sessioni in un paio di episodi) mi pare sia riuscita nell'intento di non frenare troppo la spinta del songwriting di Newbould, un po' malinconico e romantico nelle ballate, dominate dalla limpida pedal steel di Dan Dugmore (James Taylor, Linda Ronstadt), pi¨ sfrontato quando si tratta di alzare il volume delle chitarre e sfoderare un deciso passo rock.

Nel primo caso si fanno notare soprattutto i duetti con la moglie Rose Falcon (anche co-autrice) e con l'ospite Kalisa Ewing, tra una dolce Drifting Award e la desolata Down for Your Love. Nel secondo caso sale in cattedra un suono pi¨ pimpante, che sfrutta i crescendo della voce di Newbould, forse non eccezionale come estensione, eppure espressiva nella sua tensione in Lucinda (la ballata elettrica pi¨ bella del disco) e You're With Me e Don't Give Up on Love. Tra le finezze di Tennessee infine vale la pena di citare la lunga cavalcata di It Can Always Be Worse, country rock epico che parte con una vaga citazione di The Weight e finisce dalle parti del Joe Ely pi¨ appassionato, con fiddle, steel e chitarre a duellare. Un bel nome da ricordare nella lunga lista degli outsider di questo 2013.



<Credits>