Dr. Dog
Be The Void
[
Anti/ Self  
2012]

www.drdogmusic.com
www.anti.com


File Under: indie rock

di Fabio Cerbone (16/02/2012)

Prototipo in un certo senso perfetto di quella estetica indie rock che si affaccia sulla tradizione, i Dr.Dog sono passati in pochi anni dalla tenace "bassa fedeltÓ" degli esordi all'amore incondizionato per tutto ci˛ che profumasse di rock anni Settanta. Non a caso i nomi ripetutamente menzionati, pi¨ o meno a sproposito, per imbrigliare la loro formula sonora sono stati Beach Boys, The Band, Neil Young, come dire da una parte l'immaginario sognante e psichedelico della pop music, dall'altra la concretezza delle radici. Termine di questo viaggio, o se vogliamo coda finale di una lenta maturazione era stato il disco Fate del 2008. Con l'entrata in casa Anti per˛ le cose si sono fatte decisamente pi¨ ambiziose, tanto Ŕ vero che il precedente Shame Shame, per la prima volta condiviso con una produzione esterna (il Rob Schnapf per lungo tempo al fianco di Elliott Smith) aveva allargato a dismisura le mire da grandeur pop del gruppo, risultando stucchevole e confuso sulla distanza.

Non sorprende dunque che la band di Philadelphia ribadisca oggi le intenzioni di ritornare alla maggiore consistenza del passato, seppure la parola sobrietÓ, nel caso del loro rock'n'roll variopinto e schizzato, non si addica proprio. Fatto sta che Be the Void Ŕ un disco pi¨ "suonato", elettrico, diretto nell'aproccio, una creazione casalinga che ha richiesto tempi pi¨ concisi e tracciato una direzione immediata. Ne guadagnano le canzoni, l'appeal generale e l'uniformitÓ di un lavoro che resta comunque figlio di un certo suono indie pop, allevato ed educato grazie ai maestri Flaming Lips e che tuttavia nel tempo ha cercato di "ammorbidirsi" nel solco della memoria folk. Per tale motivo, forse, gli intrecci delle composizioni di Scott McMicken e Toby Leaman, con l'intervento non indifferente delle tastiere di Zach Miller, non possono fare a meno di rammentare, come già accaduto altre volte, i My Morning Jacket: coglietene la stessa pasta, anche vocale, in How Long Must I Wait?, Do the Trick e Heavy Light, quelle vibrazioni sospese fra soul psichedelico e chitarre dall'educazione garage rock.

L'accusa di derivazione sarÓ sempre in agguato, ma questa volta pare che i Dr. Dog ci abbiamo aggiunto una punta di spontaneitÓ che gioca tutta a loro favore: merito forse degli innesti ritmici del nuovo arrivato Dimitri Manos, che in That Old Black Hole pare rinnovare lo stile del gruppo, mentre Lonesome sfodera persino una corale ballata dalle ambientazioni sudiste e infine These Days e Over Here, Over There si lasciano trascinare da un rock'n'roll vivace e dall'impronta sixties. Ecco, il peccato maggiore per i detrattori dei Dr. Dog resterÓ sempre questa sensazione di passatismo, che qualcuno ha giÓ fatto notare: difficile dargli torto quando nel finale Warrior Man e Turning the Century, da versanti sonori diversi, si impiastrano con le visioni e le utopie di un tempo perduto


   


<Credits>