Clarence Bucaro
Walls of the World
[
Continental Song City  
2012]

www.clarencebucaro.com
www.continental.nl


File Under: Americana with soul feeling

di Fabio Cerbone (27/04/2012)

Battezzato artisticamente fra i bayou di New Orleans (a cui dedic˛ un intero disco nel 2009) e cresciuto sotto l'ala protrettrice di Anders Osborne (sorta di mentore, ma soprattutto produttore dei suoi esordi), Clarence Bucaro ha errato senza una precisa meta per diverse stagioni. Se infatti il debutto Sweet Corn aveva scelto un preciso campo estetico e sonoro, evocando da una parte la Big Easy e dall'altra il country blues rurale di Mississippi John Hurt (magari filtrato dall'esperienza di Ry Cooder), i passi successivi avevano di volta in volta smussato gli spigoli, seguendo Bucaro nelle sue pegerinazioni verso la California, fino alla nuova casa in quel di Brooklyn, New York. Ecco dunque le ballate all'insegna di un adulto pop rock, la sensibilitÓ west coast rubata a Jackson Browne, certe raffinate sfumature soul da scuola Motown e via di questo passo. Ottime referenze, sia ben chiaro, ma anche sintomo di una ispirazione un po' ondivaga o forse soltanto di una voglia di metteresi in gioco che spesso non portava da nessuna parte.

Walls of the World
in tal senso mette un po' di ordine: innanzi tutto sancisce il distacco definitivo dall'aria umidiccia e dalle roots di New Orleans, dirottando le canzoni di Bucaro verso un elegante Americana d'autore, fra rock rotondi e melodiosi e qualche strizzatina alla modernitÓ. Merito della nuova produzione divisa a metÓ fra Hector Castillo (curriculum pesante che comprende David Bowie, Lou Reed e Rufus Wainwright) e il pi¨ contemporaneo Chocolate Genius (l'anima black del disco, per sintetizzare), a cui andrebbe aggiunto il missaggio del maestro Tchad Blake. Dal lavoro di squadra emergono le tensioni elettriche di Two Men Down e l'ariosa ballad Dangerous Secret: la prima Ŕ dedicata ai reporter di guerra Tim Hetherington e Chris Hondros, caduti nella recente sommossa in Libia, la seconda Ŕ scritta a quattro mani con una vecchia conoscenza, Freedy Johnston. Entrambe introducono al tema centrale dell'album: i muri eretti nel mondo come metafora (spesso concreta, purtroppo) della incominicabilitÓ fra i popoli e le singole persone.

Frutto di una serie recente di viaggi affrontati da Bucaro in Medio Oriente, Cuba, Marocco e Russia, alimentato da letture ad hoc, Walls of the World ha insomma la velleitÓ di approfondire l'etÓ adulta dell'artista, oggi diventato anche padre. Di solito operazioni simili nascondono un'eccessiva ambizione, quando non una vera mancanza di pudore: qui Clarence Bucaro sembra invece essersi abilmente trattenuto, evitando i sermoni e cercando piuttosto una certa introspezione. Il disco allora scivola via con classe, tra una Malibu e una It's Only Love che stazionano fra la leggerezza intelligente di Ron Sexsmith e il pop rock di Tom Petty, qualche dolce malizia in Same Small Threads, una serpeggiante, bluesy Child of War (dedicata al nascituro di casa Bucaro e al mondo che dovrÓ affrontare) e un finale accomodante, con la pianistica, carezzevole Bright Lights of Home e la stessa Walls of the World, forse il piccolo gioiello dell'intero disco, preghiera smooth soul che sbircia ammaliata il migliore Bill Withers dei primi anni Settanta.


   


<Credits>