Jon Dee Graham
Garage Sale
[
Blue Rose 2012
]

jondeegraham.weebly.com
www.bluerose-records.de


File Under: garage roots rock

di Fabio Cerbone (08/09/2012)

La sciatta copertina che annuncia una svendita in piena regola dice giÓ molto della genesi di queste canzoni e forse anche delle pretese racchiuse nel nuovo lavoro del rocker texano. Jon Dee Graham, pellaccia dura e vita sconclusionata da autentico loser, Ŕ uno dei nomi di culto della scena cantautorale di Austin, a cominciare dalla sua presenza nei True Believers con Alejandro Escovedo per finire alla numerose collaborazioni tra la California e lo stesso Texas. Da quando ha fatto ritorno nella terra della stella solitaria la sua carriera solista ha ripreso a veleggiare, dando dimostrazione di una dote rara: conservare il marchio indelebile dei pi¨ ispirati troubadour di quelle lande e allo stesso tempo iniettare nelle sue polverose ballate il nervoso incedere del migliore rock'n'roll stradaiolo americano e il blues dei lupi mannari.

Da qui una serie di album tanto misconosciuti quanto essenziali per descrivere il sound della Austin tradizionalista di questi anni: Escape from the Monster Island, Hooray for the Moon, The Great Battle hanno scandito una produzione sempre ad alti livelli, fino al pi¨ recente (e ironicamente crudele) It's Not Bad As It Looks, che prendeva spunto da un incidente stradale che lo ha quasi visto finire all'altro mondo. Spiace dunque constatare quanto Garage Sale tenga fede all'idea di un disco raffazzonato, poco studiato e concepito in una serie di informali sedute di registrazione. A detta di Graham la magia dell'album sta tutta qui, nella sua istintivitÓ assoluta e nell'aver seguito un processo meno regolare del solito. ╚ il caso di obiettare e far capire al buon Jon Dee che non sempre la spontaneitÓ a tutti i costi salva un'opera dal completo fallimento. Un'ora di studio gratis al mese non Ŕ una buona scusa per raccattare undici episodi che pescano fra sbiadite copie del rock desertico e nervoso che fu (Unafraid, The Orphan' Song), folk song inquiete (Yes Yes, im ogni caso fra le pi¨ positive, Just Like That, la sofferente Codeine/ Codine), ballate pianistiche da ore piccole (Bobby Dumbar) che saccheggiano la poetica di Tom Waits (e un po' anche lo stile).

Invece Ŕ accaduto esattamente questo, ovvero che Jon Dee Graham si sia ritrovato con pochi fidati amici (tra gli altri il vecchio collaboratore John Harvey, Darren Hess, Andrew Duplantis) in ritagli di tempo e ore da buttare, senza il preciso obiettivo di dare forma ad un vero lavoro. Garage Sale Ŕ nato dal caso e strada facendo dice lui, badando assai poco alle rifiniture: si sente eccome, a cominciare da una produzione grezza e da spunti che rimangono proprio quello che sono, ovvero sia bozze incompiute, canzoni tenute insieme con lo spago, giocando con i due minuti e mezzo di blues hawaiano dello strumentale #19, abborracciando un improbabile desert rock suonato sul fondo del mare in Collpase e finendo con l'inutile pasticcio latin-funky di Radio Uxtmal (Venceremos). Si salva poco o niente: la prossima volta, se vi fosse proprio l'esigenza di un disco, suggeriamo il classico live di passaggio, che non guasta mai e fa pi¨ bella figura.


   


<Credits>