Ben Kweller
Go Fly a Kite
[
The Noise Company  
2012]

www.benkweller.com
www.myspace.com/benkweller


File Under: power pop

di Yuri Susanna (20/03/2012)

Sono dieci anni che - come vuole la tradizione criminale - Ben Kweller torna impunemente, con beffarda volontÓ di sfida, sul luogo del delitto. Il suo crimine? Rubare l'anima alla perfetta pop song. Ex-enfant prodige della tarda generazione grunge (l'esordio a 16 anni con i tanto pubblicizzati quanto fallimentari Radish) ha continuato periodicamente, da Sha Sha del 2002, a ribadire la sua fede nella veritÓ rivelata dei quattro accordi, con artigiana umiltÓ e sincera devozione. E anche, bisogna dirlo, circondato da una sempre crescente indifferenza. Come se della semplicitÓ non sapessimo pi¨ che farcene, o ne avessimo quasi paura, in questi tempi di (falsa) complessitÓ e esibita, superficiale profonditÓ. Quindi, non c'Ŕ da stupirsi se i lavori successivi sono stati per lo pi¨ liquidati con un sei politico, e presto dimenticati.

La sua colpa? Quella di essersi presentato fuori tempo massimo: un decennio prima il suo songbook avrebbe potuto rivaleggiare con quello di un Matthew Sweet, di un Rivers Cuomo (Weezer), di un Evan Dando o di un Adam Schlesinger (Fountains of Wayne). Ma le mode transitano, come la gloria mondana. Anche noi l'abbiamo seguito saltuariamente, pi¨ con condiscendenza che con sincero affetto. Go Fly A Kite arriva al momento buono per spingerci a riconoscerne, una volta per tutte, i meriti. E' un riassunto dell'arte di Kweller, in cui l'abituale bravura compositiva va di pari passo con scelte di arrangiamento che evitano divagazioni ed esperimenti, per concentrarsi sulla forma basica di quel power-pop che Ŕ da sempre la sua arma pi¨ affilata. Va bene circondarsi di oggetti di design e gadget tecnologici ma, se si vuole stare seduti su qualcosa di solido, Ŕ bene rivolgersi a un artigiano che non abbia dimenticato come si costruiscono sedie. E' questo che fa Kweller: canzoni solide, ben salde su quattro gambe.

Mean To Me chiarisce subito l'assunto, dando gas ai fiati e andando a grande velocitÓ a sbattere contro un refrain perfetto: il seguito prosegue senza sbandate nella stessa direzione, con una serie di ganci da ko (Jealous Girl, l'orchestrale The Rainbow), coretti da british invasion, rifforama a go-go (il glam-rock di Free, la corsa a rotta di collo di Time Will Save the Day), deviazioni roots (Full Circle) e qualche calibrato momento per tirare il fiato (il walzer beatlesiano di Gossip, la ballatona Miss You). Una lezione di power pop "for dummies", (nel libretto del CD trovate gli accordi di tutte le canzoni, nel caso vogliate cimentarvi...) che si chiude con You Can Count on Me, vivace impennata alt.country che rimanda al precedente Changing Horses. Dischi brutti il ragazzo non ne ha mai fatti, e questo Ŕ dei pi¨ riusciti (con Sha Sha e l'omonimo del 2006: ma ognuno ha legittimamente le proprie preferenze). Il merito maggiore di Go Fly A Kite Ŕ quello di ricordarci che con un basso, una chitarra, una batteria, due strofe e un ritornello si possono ancora inventare modi piacevoli e creativi di godere il tempo. E senza doversi togliere i vestiti.


   


<Credits>