:: Parole e rock'n'roll
 
Il blog di BooksHighway

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -



Abbiamo parlato di:


BooksHighway 242
Angela Davis
"Blues e femminismo nero"

BooksHighway 241
Tracey Thorn
"La mia amica rock'n'roll"

BooksHighway 240
Chuck Kinder
"Snakehunter"

BooksHighway 239
Giorgio Rimondi
"L'invasione degli afronauti"

BooksHighway 238
Antonio Baciocchi
"Soul. La musica dell'anima"

BooksHighway 237
David Joy
"Queste montagne bruciano"

BooksHighway 236
Josh Ritter
"Una grande, gloriosa sfortuna"

BooksHighway 235
Karl Marlantes
"Deep River"

BooksHighway 234
Daria Addabbo; Alessandro Portelli
"Acque d'America"

BooksHighway 233
Marco Denti
"Neil Young. Walk Like a Giant"

BooksHighway 232
Robert Gordon
"Muddy Waters"

BooksHighway 231
Pier Vittorio Tondelli
"Viaggiatore solitario"

BooksHighway 230
Mauro Zambellini
"Allman Brothers Band. I ribelli del southern rock"

BooksHighway 229
Richard Thompson
"Beeswing"

BooksHighway 228
Jordan Farmer
"Un diluvio di veleno"

BooksHighway 227
Jonathan Scott
"Mixtape Interstellare"

BooksHighway 226
Jennifer Pashley
"Gli osservati"

BooksHighway 225
Matteo Ceschi
"Note per salvare il pianeta"

BooksHighway 224
Richard Ford
"Scusate il disturbo"

BooksHighway 223
Blue Bottazzi
"Un mucchio selvaggio"

BooksHighway 222
Carlo Babando
"Blackness"

BooksHighway 221
Paolo Mazzucchelli
"L'altra metà del pop"

BooksHighway 220
Don Winslow
"Ultima notte a Manhattan"

BooksHighway 219
Guido Santato
"Billie Holiday. La vita e la voce"

BooksHighway 218
Marco Denti
"Storie sterrate"

BooksHighway 217
Ted Gioia
"Delta blues"

BooksHighway 216
Re Nudo
"Antologia di re Nudo 1970-2020. Storia e storie di una rivista"

BooksHighway 215
Sara Bao
"Voodooblues. Il misterioso caso di Robert Johnson"

BooksHighway 214
Luca Miele
"Il vangelo secondo Jack Kerouac"

BooksHighway 213
Barry Gifford
"Notti del sud"

BooksHighway 212
Nick Cave
"Stranger than Kindness"

BooksHighway 211
Edmond G. Addeo; Richard M. Garvin
"Leadbelly. Il grande romanzo di un Re del blues"

BooksHighway 210
Marika Lucciola "Being Janis. Il diritto di essere se stessi"
Holly George-Warren
"Janis Joplin. La biografia definitiva"

BooksHighway 209
Melissa Anne Peterson
"I ragazzi di Cota Street"

BooksHighway 208
Sam Shepard
"Spiare la prima persona"

BooksHighway 207
Jessica Bruder
"Nomadland"

BooksHighway 206
Jennifer Pashley
"Il caravan"

BooksHighway 205
Patti Smith
"L'anno della scimmia"

BooksHighway 204
Stephen Markley; Larry Watson; Jesmyn Ward; Willy Vlautin

BooksHighway 203
Elisa De Munari
"Countin' the Blues. Donne Indomite"

BooksHighway 202
Holly George-Warren
"Alex Chilton. Un uomo chiamato distruzione"

BooksHighway 201
Tyler Keevil
"Poncho e Lefty"

BooksHighway 200
Kent Haruf
"La strada di casa"

BooksHighway 199
Stephen King
"Rock and Roll Will Stand"

BooksHighway 198
Kristin Hersh
"Non fare stronzate, non morire. Un addio a Vic Chesnutt"


BooksHighway 197
Robbie Roberston
"Testimony"


BooksHighway 196
Chris Salewicz
"Jimmy Page. Il cuore oscuro dei Led Zeppelin"


BooksHighway 195
Willy Vlautin
"The Free"


BooksHighway 194
Tom Drury
Thomas Savage
John D MacDonald
Jennifer Clement


Archivio di BooksHighway

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -


America 2.0 (Quarup)
un libro di Fabio Cerbone
<<entra nello speciale>>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


BooksHighway   il rock'n'roll tra le parole
Condividi

 

Riccardo Lestini
People Are Strange
Un poeta di nome Jim Morrison
[Les Flâneurs Ed., pp.. 494]

- a cura di Roberto Giuli -

Questo libro inizia ben prima delle prime pagine del primo capitolo. La copertina, per esempio, spiazzante per il suo rifuggire dal classico scatto di rito, e sì che ce ne sono a migliaia, a cominciare da quelli di Joel Brodsky; o la stessa dedica, anch’essa di rito, “A Jim compagno di giochi”, perché dovremmo senz’altro ricordarci dei nostri complici di tanti pomeriggi trascorsi con gli amici virtuali, personali eroi del rock’n’roll. Che Jim Morrison, professione poeta, questo era, un cantante. O no?

“Siamo politici erotici, fondamentalmente siamo una blues band, ma il nostro è un atto politico”, è una dichiarazione, forse, fragorosa nel suo rilascio, stordente nella sua consapevolezza. Un libro su Jim, uno degli artisti più “spiazzanti” del ventesimo secolo, ma quale (?), lo sciamano, regista, il leader di una band in “primo piano sullo sfondo”, lo scrittore maledetto, il cantante dal “sottile riverbero dell’animo”, l’uomo dal destino ineluttabile, o quel volto “da un milione di dollari” stampato sulle t-shirts? Quale che sia, su di esso sono stati scritti innumerevoli libri. O forse no? Di sicuro sono stati versati fiumi di inchiostro, sprecati sovente per gli aspetti più fotoromanzeschi, “club 27” o roba simile, fino a particolari imbarazzanti sugli ultimi giorni del grande artista.

C’è assolutamente ben altro in questo eccellente testo dal titolo People Are Strange. Un poeta di nome Jim Morrison e non ce n’erano di dubbi, dati passione, ricerca e curriculum dell’autore, Riccardo Lestini. Una scrittura avvincente, che da un lato e senza rinunciare alla scansione cronologica, trascina il lettore attraverso la vicenda di un ragazzo inquieto con l’arte nel cuore (“un grande concerto nella testa”), il quale inciampa, forse per caso, nel rock’n’roll, ma che poi affronta il “lavoro” con insospettabile consapevolezza; e c’è dall’altra una profonda disamina dei testi e il tentativo, certamente riuscito, di restituire al Poeta il peso specifico che merita, allo stesso tempo quei tratti umani, intimi, spesso sottostimati in altri contesti.

A totale conforto del lettore, Lestini narra la storia distillando alcuni momenti focali, gli anni della prima gioventù (“non abbiamo alcuna idea di cosa scrisse”), la Venice Beach del 1965, anno dell’incontro con Ray Manzarek, il Sunset Strip, i vari capitoli discografici, “sul tetto del mondo”, quando i Doors erano l’act più richiesto, la passione per la letteratura europea e per il vecchio continente in generale, bilanciata da radici forse crudeli, fino alla partenza per Parigi e al triste epilogo, scavando contemporaneamente a fondo del personaggio Morrison (anzi “persona”), immaginario collettivo compreso; a beneficio di un racconto di grande completezza, denso e irresistibile. Molto più di una biografia, qualcosa di diverso; non può mancare sullo scaffale..