:: ClassicHighway menù
 
Seleziona una rubrica:


Ristampe/ Antologie



The Groundhogs
Road Hogs: Live From Richmond to Pocono


Help Yourself
Passing Through: The Complete Studio recordings


Waylon Jennings
Singer of Sad Songs; The Taker/Tulsa; Good Hearted Woman; Ladies Love Outlaws

Lefty Frizzell
Saginaw Michigan; The Sad Side of Love; Puttin' On

Iron & Wine
Archive Series Vol.5

Gary Moore
How Blue Can You Get

Neil Young with Crazy Horse
Way Down in the Rust Bucket

The Black Crowes
Shake Your Money Maker (30th Anniversary edition)

Trees
Trees (50th Anniversary edition)

The Chills
Submarine Bells// Soft Bomb

Yo La Tengo
Electr-O-Pura (25th Anniversary)

The Lemonheads
Lovey (30th Annyversary)

Solomon Burke
The King of Rock'N'Soul

Bert Jansch
Crimson Moon

Bobbie Gentry
The Delta Sweete

Bill Kirchen
The Proper Years

Doc Watson and Gaither Carlton
Doc Watson and Gaither Carlton

Neil Young
Homegrown

Giant Sand
Ramp

Randall Bramblett
The Meantime (10th Anniversary)

Scott H. Biram
Sold Out to The Devil

Gregg Allman
Laid Back

Wayne Hancock
Man on the Road: The Early
Bloodshot Years

Curt Boettcher & Friends
Looking for the Sun

Giant Sand
Glum (25th Anniversary Edition)

Richard Thompson
Across a Crowded Room. LIve at the Barrymore's 1985

Jason Isbell & The 400 Unit
Jason Isbell & The 400 Unit// Here We Rest

Kenny Roby & 6 String Drag
Tired of Feelin Guilty: 25 Years of

Autori Vari
Ann Arbor Blues Festival 1969 - Vol.1&2

Kristin Hersh
Crooked

Creedence Clearwater Revival
Live in Woodstock

Buzzcocks
Singles Going Steady + A Different Kind of Tension

Neil Young + Stray Gators
Tuscaloosa

J.J. Cale
Stay Around

Jorma Kaukonen & Jack Cassady
Before We Were Them

Townes Van Zandt
Sky Blue

The Buzzcocks
Another Music in A Different Kitchen
Love Bites

Jess Sah Bi & Peter One
Our Garden Needs Its Flowers

Mary Lou Lord
Got no Shadow

Semisonic
Feeling Strangely Fine (20th anniversary edition)

John Fogerty
Eye of the Zombie/ Dejà Vu All Over Again

Popa Chubby
Prime Cuts

Groundhogs
Blues Obituary

Blitzen Trapper
Furr - 10th Anniversary Deluxe

Dave Evans
The Words in Between

Roy Buchanan
Live at Town Hall 1974!

Dirk Hamilton
Yep!

John Fogerty
Centerfield + Blue Moon Swamp

Barbara Dane
Hot Jazz, Cool Blues & Hard-Hitting Songs

The Yardbirds
Yardbirds '68

The Replacements
For Sale: Live at Maxwell's 1986

F.J. McMahon
Spirit of the Golden Juice

Neil Young
Hitchhiker


Steve Young
Seven Bridges Road. The Complete Recordings

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


ClassicHighway   best of, ristampe, classici
Condividi

 

 

Bob Dylan
Springtime in New York: The Bootleg Series Vol.16 - 1980-1985
[Columbia/ Sony 2021]

Sulla rete: bobdylan.com

File Under: You play the guitar on the MTV

di Nicola Gervasini (26/10/2021)

È singolare che tra i meme/gif più utilizzati oggi dagli utenti dei social per commentare un eventuale stato di totale disagio, ci sia l’immagine di Bob Dylan perso dentro il coro della canzone benefit We Are The World del 1985, eppure proprio quel Dylan, spaesato e desideroso di essere in qualunque posto che non fosse un video di MTV, è quello che più abbiamo in testa quando pensiamo ai suoi anni 80. Un uomo fuori dal tempo, incapace di vestire i panni di un decennio che pareva così lontano da lui. Eppure, lui ci aveva provato, magari con l’improbabile giacca che il regista Paul Schrader gli fece vestire nel video di Tight Connection to My Heart (e che ritroviamo simile anche nella copertina di Empire Burlesque), o l’improbabile mise da hard-rocker con giacca in pelle e orecchino pendulo mostrato nell’infelice film Hearts Of Fire del 1988.

I suoi anni Ottanta erano però nati in altro modo, cogliendolo in pieno fervore artistico/spirituale con album come Saved e Shot Of Love, che ai tempi furono anche selvaggiamente massacrati dalla critica, e si chiuderanno poi con la storia completamente differente di Oh Mercy, disco che però già lo proiettava nei Novanta. In mezzo ci fu un periodo di blocco creativo che lo stesso Dylan ha descritto nel libro "Chronicles Vol 1", quando pare non abbia più composto quasi nulla almeno tra il 1984 e il 1988. A salvare il tutto ci fu un momento davvero creativamente felice che portò all’album Infidels del 1983, ma, di fatto, diede materiale e spunti sufficienti a confezionare anche il grosso dei tre capitoli successivi (Empire Burlesque, Knocked Out Loaded e Down in The Groove). E già il terzo volume delle Bootleg Series del 1991 aveva evidenziato come anche l’opera di recupero di inediti e scarti successiva avesse lasciato nel cassetto veri e propri capolavori, Blind Willie McTell su tutte, probabilmente ritenuta troppo lontana dalla filosofia degli 80 per essere pubblicata, o perlomeno recuperata su dischi poveri di contenuti che sicuramente ne avrebbero giovato.

Per questo motivo Springtime in New York era uno dei volumi più attesi di questo lungo riordino dei suoi archivi, e che sia stato anche lasciato in coda è significativo del poco amore che Dylan ha comunque conservato per il periodo. In ogni caso, se poi il meglio era già stato pubblicato nel 1991 (ad esempio brani importanti come Foot Of Pride, Need A Woman o Angelina vengono qui riproposti in altra versione), questa volta non c’è da rimanere delusi, sia che decidiate di prendere l’essenziale doppio CD o l’edizione da 5. Certo, non a tutti interessa risentire Infidels quasi al completo in versione pressoché simile (Man Of Peace è l’unico brano ignorato anche a questo giro), ma, per esempio, le registrazioni alternative dei brani di Empire Burlesque sono spesso spogliate dai pesanti interventi in sede di post-produzione di Arthur Baker, conosciuto per il lavoro coi New Order e Afrika Bambaataa, che anni dopo dichiarerà il proprio pentimento per un trattamento che lui stesso giudicò peggiorativo (ma in linea con gli ordini impartitogli dalla Columbia).

E poi c’è sempre da “maledire” Dylan per alcune scelte, come quella di tagliare Death Is Not The End nella versione pubblicata tardivamente su Down In The Groove (perché poi non si sa, visto che il disco durava pochissimo e spazio ce n’era in abbondanza), quando qui scopriamo che il brano aveva una coda gospel che lo valorizzava parecchio. Oppure perché non dare un senso a un live-record poco utile come Real Live del 1984 con un inedito come Enough is Enough che viene da quel tour, oppure ancora perché lasciare nel cassetto brani che meritavano miglior luce come Too late, Let’s Keep It Between Us (questa la pubblicò Bonnie Raitt) o Don't Ever Take Yourself Away. Per il resto, stringi stringi, il materiale veramente nuovo non è tantissimo, se non si contano anche le tante cover mai pubblicate come Straight A's in Love di Johnny Cash, Angel Flying Too Close to the Ground di Willie Nelson o Baby What You Want Me to Do di Jimmy Reed registrata per Empire Burlesque, e le ottime cover contenute nelle prove per il tour di Shot Of Love (e qui di chicche ce ne sono parecchie) o classici come Green, Green Grass of Home, Let It Be Me, e molte altre.

La confezione e la scelta dei pezzi sono come al solito curati molto bene, e probabilmente questo sedicesimo capitolo completa il lavoro di recupero dei suoi anni più storici, perlomeno per quello che si sa delle sue session perdute prima dei 2000, lasciando aperta la porta a eventuali produzioni più recenti non date in pasto alle stampe, o al tantissimo materiale live che immaginiamo sia stipato negli archivi della Columbia. Ma con Bob Dylan, si sa, non si può mai dire con certezza cosa succederà. A lui piacciono le sorprese.