:: ClassicHighway menù
 
Seleziona una rubrica:


Ristampe/ Antologie



Danny Bryant
02:10 The Early Years


Keith Richards
Main Offender (30th Anniversary)


The Dream Syndicate
What Can I Say? No Regrets...

Bill Fay
Still Some Light

Come
Don't Ask Don't Tell

Bruce Springsteen
The Legendary 1979 No Nukes Concerts

Bob Dylan
Springtime in New York: The Bootleg Series Vol.16 1980-1985

The Groundhogs
Road Hogs: Live From Richmond to Pocono

Help Yourself
Passing Through: The Complete Studio recordings

Waylon Jennings
Singer of Sad Songs; The Taker/Tulsa; Good Hearted Woman; Ladies Love Outlaws

Lefty Frizzell
Saginaw Michigan; The Sad Side of Love; Puttin' On

Iron & Wine
Archive Series Vol.5

Gary Moore
How Blue Can You Get

Neil Young with Crazy Horse
Way Down in the Rust Bucket

The Black Crowes
Shake Your Money Maker (30th Anniversary edition)

Trees
Trees (50th Anniversary edition)

The Chills
Submarine Bells// Soft Bomb

Yo La Tengo
Electr-O-Pura (25th Anniversary)

The Lemonheads
Lovey (30th Annyversary)

Solomon Burke
The King of Rock'N'Soul

Bert Jansch
Crimson Moon

Bobbie Gentry
The Delta Sweete

Bill Kirchen
The Proper Years

Doc Watson and Gaither Carlton
Doc Watson and Gaither Carlton

Neil Young
Homegrown

Giant Sand
Ramp

Randall Bramblett
The Meantime (10th Anniversary)

Scott H. Biram
Sold Out to The Devil

Gregg Allman
Laid Back

Wayne Hancock
Man on the Road: The Early
Bloodshot Years

Curt Boettcher & Friends
Looking for the Sun

Giant Sand
Glum (25th Anniversary Edition)

Richard Thompson
Across a Crowded Room. LIve at the Barrymore's 1985

Jason Isbell & The 400 Unit
Jason Isbell & The 400 Unit// Here We Rest

Kenny Roby & 6 String Drag
Tired of Feelin Guilty: 25 Years of

Autori Vari
Ann Arbor Blues Festival 1969 - Vol.1&2

Kristin Hersh
Crooked

Creedence Clearwater Revival
Live in Woodstock

Buzzcocks
Singles Going Steady + A Different Kind of Tension

Neil Young + Stray Gators
Tuscaloosa

J.J. Cale
Stay Around

Jorma Kaukonen & Jack Cassady
Before We Were Them

Townes Van Zandt
Sky Blue

The Buzzcocks
Another Music in A Different Kitchen
Love Bites

Jess Sah Bi & Peter One
Our Garden Needs Its Flowers

Mary Lou Lord
Got no Shadow

Semisonic
Feeling Strangely Fine (20th anniversary edition)

John Fogerty
Eye of the Zombie/ Dejà Vu All Over Again

Popa Chubby
Prime Cuts

Groundhogs
Blues Obituary

Blitzen Trapper
Furr - 10th Anniversary Deluxe

Dave Evans
The Words in Between

Roy Buchanan
Live at Town Hall 1974!

Dirk Hamilton
Yep!

John Fogerty
Centerfield + Blue Moon Swamp

Barbara Dane
Hot Jazz, Cool Blues & Hard-Hitting Songs

The Yardbirds
Yardbirds '68

The Replacements
For Sale: Live at Maxwell's 1986

F.J. McMahon
Spirit of the Golden Juice

Neil Young
Hitchhiker


Steve Young
Seven Bridges Road. The Complete Recordings

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


ClassicHighway   best of, ristampe, classici
Condividi

 

 

Say ZuZu
Here Again: A Retrospetive 1994-2002
[Strolling Bones Records 2022]

Sulla rete: strollingbonesrecords.com

File Under: Say "Alternative country"


di Fabio Cerbone (20/04/2022)

Nemo propheta in patria, il vecchio adagio sembra valere anche nel piccolo mondo del rock provinciale americano, attraversato da band che spesso hanno trovato la loro America nella vecchia Europa, generosa nell’accogliere un suono che rappresenta anche, forse soprattutto, un immaginario. Lo sanno bene i Say ZuZu, ragazzi del New Hampshire, luogo di per sé già defilato rispetto ai centri nevralgici del business musicale americano, che sono stati adottati dall’Italia in particolare, più volte giunti in tour alle nostre latitudini, e ancora più in generale da un mercato europeo dove i loro dischi (in Germania hanno pubblicato per la storica etichetta Blue Rose) hanno goduto di una buona distribuzione.

Here Again: A Retrospetive
è un atto di giustizia tardivo che rimette in circolo la musica del gruppo grazie all’interessamento della Strolling Bones records, sussidiaria fondata da George Fontaine Sr., titolare della ben più nota New West, casa di buona parte del migliore roots e country rock di queste stagioni. Un’antologia che serve a far luce sulla produzione dei Say ZuZu dal 1994 al 2002, anno dell’ufficiale “rompete le righe”, e in realtà primo segnale che anticipa l’annuncio della reunion della band, la quale tornerà tra la fine di quest’anno e il 2023 con materiale nuovo, dopo un’assenza di vent’anni. I segnali si erano avuti già nel 2019 con una serie di concerti locali e una formazione allargata che includeva ben sei membri, dagli originali fratelli Jon (chitarre e voce) e James Nolan (basso) a Cliff Murphy (altra voce e chitarra in seno alla formazione) fino al primo batterista Steve Ruhm.

Un amarcord che ha risvegliato il desiderio di riprovarci, magari con più esperienza e meno illusioni di un tempo, quando i Say ZuZu macinavano miglia nel desiderio di emergere dal grande sottobosco di quell’alternative country che rinnovana il matrimonio fra tradizione e rock’n’roll, alla metà degli anni Novanta. Erano nati così, in uno scantinato di Durham, New Hampshire, i sogni di quattro ragazzi innamorati degli Uncle Tupelo e della loro rivoluzione roots silenziosa, portando in dono un acerbo esordio nel 1994 (l’omonimo album) e i successivi Highway Signs & Driving Songs (1995) e Take These Turns (1996), gli album che collocano i Say ZuZu tra le seconde file di un genere che “spopola” a livello indipendente e nei college americani grazie all’esplosione di Son Volt, Wilco, Whiskeytown e figliocci vari.

Con due voci e due autori principali a tirare le fila, Nolan e Murphy, la band segue uno schema collaudato: acustico ed elettrico, memoria country folk ed energia rock, accentuando spesso un’attitudine alla jam, al taglio sudista delle chitarre, alla frenesia honky tonk elettrica, anche se il sound di quei primi dischi risulta un po’ immaturo, innocente nello svelare i suoi padri ispiratori. Proprio quando il gruppo troverà la chiave per la sua definitiva maturazione, nei successivi Bull (1998) e Every Mile (2001), nel frattempo rivoluzionando l’assetto con l’ingresso della nuova sezione ritmica formata da Tim Nylander e Jon Pistey, il treno sarà passato, l’alternative country uno stile lontano dalla cresta dell’onda e l’interesse delle etichette discografiche un miraggio.

Here Again: A Retrospetive
testimonia questo percorso a ostacoli, così come l’ennesimo sogno di rock’n’roll infranto dalla periferia, con una scaletta stringata (dodici episodi in tutto) e un generoso libretto con tutti i testi, le foto d’epoca e un esaustivo essay sulla storia dei Say ZuZu, svolgendo il compito di presentarli alle nuove generazioni dell’Americana, ciò in cui nel frattempo si è trasformato l’alternative country . E la sintesi funziona perché, pur nella consapevolezza del ruolo minore giocato dalla band in quella stagione, i brani scelti testimoniano la compattezza della loro semplice formula roots rock da strada maestra, che trova in episodi quali Pennsylvania e Wasting Time o ancora nell’iniziale You Don’t Know Me e in Doldrums l’espressione migliore del loro songwriting. Si tratta, non a caso, delle tracce provenienti dai citati Bull e Every Mile, coda finale e adulta dei Say Zuzu, mentre per esempio la “younghiana” Better Days, lo sbuffare country di Colorado e l’intreccio southern rock di Don’t Tie Me Down tornano ai primi giorni della band, più ingenue nell’inseguire il gesto di quella provincia musicale che tanto ci affascinava.

Here Again: A Retrospetive racconta un piccolo pezzo di quel mondo, una storia dai margini di un genere ai margini: una stringata introduzione in attesa del previsto ritorno discografico dei Say ZuZu.