:: ClassicHighway menù
 
Seleziona una rubrica:


Ristampe/ Antologie



Tony Joe White
The Beginning


Terry Allen
Smokin' The Dummy/ Bloodlines


Keith Richards
Main Offender (30th Anniversary)

The Dream Syndicate
What Can I Say? No Regrets...

Say ZuZu
Here Again: A Retrospective 1994-2002

Danny Bryant
02:10 The Early Years

Bill Fay
Still Some Light

Come
Don't Ask Don't Tell

Bruce Springsteen
The Legendary 1979 No Nukes Concerts

Bob Dylan
Springtime in New York: The Bootleg Series Vol.16 1980-1985

The Groundhogs
Road Hogs: Live From Richmond to Pocono

Help Yourself
Passing Through: The Complete Studio recordings

Waylon Jennings
Singer of Sad Songs; The Taker/Tulsa; Good Hearted Woman; Ladies Love Outlaws

Lefty Frizzell
Saginaw Michigan; The Sad Side of Love; Puttin' On

Iron & Wine
Archive Series Vol.5

Gary Moore
How Blue Can You Get

Neil Young with Crazy Horse
Way Down in the Rust Bucket

The Black Crowes
Shake Your Money Maker (30th Anniversary edition)

Trees
Trees (50th Anniversary edition)

The Chills
Submarine Bells// Soft Bomb

Yo La Tengo
Electr-O-Pura (25th Anniversary)

The Lemonheads
Lovey (30th Annyversary)

Solomon Burke
The King of Rock'N'Soul

Bert Jansch
Crimson Moon

Bobbie Gentry
The Delta Sweete

Bill Kirchen
The Proper Years

Doc Watson and Gaither Carlton
Doc Watson and Gaither Carlton

Neil Young
Homegrown

Giant Sand
Ramp

Randall Bramblett
The Meantime (10th Anniversary)

Scott H. Biram
Sold Out to The Devil

Gregg Allman
Laid Back

Wayne Hancock
Man on the Road: The Early
Bloodshot Years

Curt Boettcher & Friends
Looking for the Sun

Giant Sand
Glum (25th Anniversary Edition)

Richard Thompson
Across a Crowded Room. LIve at the Barrymore's 1985

Jason Isbell & The 400 Unit
Jason Isbell & The 400 Unit// Here We Rest

Kenny Roby & 6 String Drag
Tired of Feelin Guilty: 25 Years of

Autori Vari
Ann Arbor Blues Festival 1969 - Vol.1&2

Kristin Hersh
Crooked

Creedence Clearwater Revival
Live in Woodstock

Buzzcocks
Singles Going Steady + A Different Kind of Tension

Neil Young + Stray Gators
Tuscaloosa

J.J. Cale
Stay Around

Jorma Kaukonen & Jack Cassady
Before We Were Them

Townes Van Zandt
Sky Blue

The Buzzcocks
Another Music in A Different Kitchen
Love Bites

Jess Sah Bi & Peter One
Our Garden Needs Its Flowers

Mary Lou Lord
Got no Shadow

Semisonic
Feeling Strangely Fine (20th anniversary edition)

John Fogerty
Eye of the Zombie/ Dejà Vu All Over Again

Popa Chubby
Prime Cuts

Groundhogs
Blues Obituary

Blitzen Trapper
Furr - 10th Anniversary Deluxe

Dave Evans
The Words in Between

Roy Buchanan
Live at Town Hall 1974!

Dirk Hamilton
Yep!

John Fogerty
Centerfield + Blue Moon Swamp

Barbara Dane
Hot Jazz, Cool Blues & Hard-Hitting Songs

The Yardbirds
Yardbirds '68

The Replacements
For Sale: Live at Maxwell's 1986

F.J. McMahon
Spirit of the Golden Juice

Neil Young
Hitchhiker


Steve Young
Seven Bridges Road. The Complete Recordings

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


ClassicHighway   best of, ristampe, classici
Condividi

 

 

Kris Kristofferson
Live At Gilley’s
Pasadena, TX: September 15, 1981

[New West 2022]

Sulla rete: newwestrecords.com

File Under: Country got soul & guts


di Gianfranco Callieri (17/10/2022)

Per la critica italiana, soprattutto quella della seconda metà dei ’70 e delle prime stagioni del decennio successivo, meno attenta ai suoni provenienti dagli Stati Uniti e meglio disposta, invece, alla ricezione delle novità in arrivo dall’Inghilterra, c’è stato un periodo in cui nominare Kris Kristofferson equivaleva, dal punto di vista musicale, a invocare un emerito sconosciuto. O a richiamare, al limite, un attore di scarsa consistenza, macchiato per di più dal difetto di doversi far perdonare il successo internazionale di un polpettone come il secondo remake di È Nata Una Stella (A Star Is Born, 1976), interpretato da Barbra Streisand e diretto da Frank Pierson (e pazienza se questi aveva rielaborato la sceneggiatura del prototipo, targato 1937, facendosi aiutare dagli oggi venerati Joan Didion e John Gregory Dunne), nonché i quasi 10 milioni di copie vendute dalla relativa colonna sonora, con la sua copertina a base di erotismo allusivo e patinato per anni presenza fissa nei “forati” di mezza penisola e nei cestoni di qualsiasi Autogrill.

Un po’ poco, tutto sommato, per liquidare e trascurare chi, sempre nel 1976, era stato evocato anche nell’inferno metropolitano alla Fëdor Dostoevskij di Taxi Driver, scritto dal calvinista Paul Schrader e diretto dal cattolico Martin Scorsese: era infatti al protagonista di una delle canzoni di Kristofferson - la «contraddizione ambulante» di The Pilgrim, Chapter 33 - che la Betsy di Cybill Sheperd paragonava il tassista impersonato da Robert De Niro, immerso in un nichilismo senza sbocco, e The Silver Tongued Devil And I (1971) era il disco regalatole da costui, non tanto per fare colpo quanto per totale disinteresse verso il denaro e i possibili modi di spenderlo. Basterebbe questa citazione, tra le tante richiamabili, per collocare il repertorio dell’ex-aviatore Kristoffer Kristofferson, per tutti “Kris”, tra le esperienze più intense e significative della canzone d’autore americana del ‘900, puro esistenzialismo beatnik applicato prima all’ambito del country (svecchiato con piena adesione ai tratti e alle tematiche del movimento outlaw), poi su sonorità terzomondiste e infine, dai primi 2000 al ritiro dalla scene (scoccato due anni or sono), in un secco confronto con le cose ultime - il tempo, la morte, il dolore e la stanchezza del - — immortalato con altrettanta efficacia solo (per restare ai viventi) da Bob Dylan e Willie Nelson.

Se ognuna delle diverse fasi della sua carriera ha goduto, ancorché in ritardo o in differita, di un’adeguata testimonianza “dal vivo”, forse a mancare l’appello era proprio il periodo dei primi ’80, quando l’artista, accompagnato da una formazione tanto essenziale quanto impregnata di tradizioni nere, era solito rivestire di grinta soul - quello downhome, dalla forza ritmica ai confini col funk, proveniente dalle regioni del Sud - il suo intreccio di country e rock dalle caratteristiche già progressiste. Si inserisce in questa casella il nuovo Live At Gilley’s - Pasadena, Tx: September 15th, 1981, registrato nell’omonimo locale di Mickey Gilley (cugino, da poco scomparso, di Jerry Lee Lewis) diventato famoso per la presenza di un toro meccanico sul quale si esercitava anche il John Travolta di Urban Cowboy (1980): lo fa con un tripudio di country, rock, soul e viscere rootsy variamente declinate, catturando quindi uno dei padri della rinascita country in formato «fuorilegge» dei ’70 al massimo delle proprie potenzialità espressive.

Una parte (egregia) del lavoro viene svolto dal gruppo alle spalle del titolare, composto dalle tastiere viscose di Donnie Fritts, dalla sei corde ritmica di Billy Swan (talvolta occupato a raddoppiare l’organo), da quella solista di Stephen Bruton e dall’indifferenza virtuosistica della sezione ritmica di Tommy McClure (basso) e Sammy Creason (batteria), tutti professionisti in grado di passare dalle cadenze rilassate di una serenata country al più movimentato dei numeri r&b con la stessa, ruvida disinvoltura; un’altra parte (non meno importante e decisiva) riguarda altresì la risposta elettrizzata e talvolta persino «spiritata» (come rimarca lo stesso Kristofferson) del pubblico pagante, pronto a ruggire persino alle prime battute, a tempo di valzer, di una Here Comes That Rainbow Again all’epoca ancora inedita. Il resto, naturalmente, è tutto sulle spalle delle canzoni di Kristofferson, sull’honky-tonk rockista di una Me & Bobby McGee sfoderata in partenza e tarantolata nell’incedere, sul lirismo di vetro e cemento di una Casey’s Last Ride (mai così bella) degna dei cantautori elettrici alla Elliott Murphy, sul selvatico rock delle radici di You Show Me Yours (I’ll Show You Mine) e Stranger (qui unite in un medley a passo di carica), sulle malinconiche preghiere di For The Good Times, sulla “mattonella” soul tra città e campagna di Nobody Loves Anybody Anymore, sul country elegiaco di If It’s All The Same To You e su quello rock & roll di The Pilgrim.

A voler cercare il pelo nell’uovo, spiace per una Sunday Mornin’ Comin’ Down piuttosto approssimativa e per una Same Old Song molto coinvolgente in potenza ma anch’essa eseguita, purtroppo, in modo assai frettoloso (sommando la durata delle due si arriva a malapena a tre minuti totali, e del resto si rivolgono entrambe a un pubblico desideroso soltanto di riconoscerle); rimostranze che svaniscono, tuttavia, davanti al lancinante finale gospel di Why Me, tra le più sentite espressioni di un interrogarsi umanista oggi come ieri impossibile da banalizzare, semplificare o sottovalutare. Anche se di Kris Kristofferson non siete estimatori particolarmente accaniti, potete prendere Live At Gilley’s - Pasadena, Tx: September 15th, 1981 come un viaggio nel tempo diretto verso un momento della musica americana i cui le regole della contaminazione tra i generi sembravano ancora tutte da scrivere e il texano poteva assomigliare a un Leonard Cohen domiciliato al confine col Messico. Nostalgia? Inarrestabile. Malinconie? A secchiate. Ma finché nostalgie e malinconie saranno di questa caratura, nessuno, credo, vorrà porsi problemi inutili.