:: Menù Monografie

 


# Monografie, ritratti


Bob Mould
Una lunga stagione di pioggia


The Southern Thing
La seconda generazione
del southern rock


Guy Clark
That Old Time Feeling

Merle Haggard
Okie from Muskogee
John Trudell
Stickman: rock'n'roll poetry
Bob Dylan & The Band
The Basement Tapes
Lucinda Williams
"Americana Woman"
Pete Seeger
"Seeds of America"
Tommy Keene
"Deserte le strade dei sogni"
J.J. Cale
"Call Me the Breeze"
George Jones
"Cup of Loneliness"
Arbouretum
"Hiding Places "
Paul Westerberg
"Knockin' on Mine "
Cary Hudson
"Lonesome boy from Dixie"
Dave Alvin
"Le strade blu"
Levon Helm
"L'uomo del dud"
Richmond Fontaine
"Land of broken dream"
Buddy Miller
"Reinessance country man"
Thin White Rope
"Down in the desert"
Giant Sand
"Il deserto, luogo dell'anima"
Black Crowes
"The Southern Harmony"
Gun Club
"Ghost on the Highway"
Blue Rodeo
"It Can't Be Nashville Every Night"
Jim Carroll
"Streetlight Serenade "
James McMurtry
"Last of the Troubadours"
Sandy Denny
"Who knows where the time goes"
Grant Lee Buffalo
"Lone Star Song"
Green on Red
"L'anima fuorilegge del roots rock"
Rodney Crowell
"Voilà, an american dream"
Del Fuegos
"Play this record loud"
Alejandro Escovedo
"Rhapsody"
Terry Allen
"Texas Tears"
Dion
"Motherless Bronx"
Tim Hardin
"Hang on to a Dream"
Gram Parsons
"The falling of an angel"
John Prine
"Illegal Smile"
Porter Wagoner
"The Thin Man From The West Plains"
Whiskeytown
"Waiting to Derail"


# Americana Tracks
Eagles
Desperado
Autori Vari
Classic American Ballads
Ryan Adams
Heartbreaker
Dirk Hamilton
sufferupachuckle
Gin Blossoms
New Miserable Experience
Raindogs
Lost Souls
Bobby Bare
Sings Lullabys, Legends and Lies
Songs: Ohia/ Jason Molina
Magnolia Electric Co.
Bocephus King
A Small Good Thing

# Modern Classics

Cracker
Gentleman's Blues
Natalie Merchant
Motherland
The Afghan Whigs
Black Love
Eric Clapton
Slowhand
The Everly Brothers
The Everly Brothers/ It's Everly Time
Johnny Winter
Second Winter
James Taylor
Mud Slide Slim and the Blue Horizon
Willie Nile
Willie Nile
Billy Bragg
Don't Try This at Home


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Home page

Folklore   monografie, classici rivisitati e dischi dimenticati

  
 

 

Bap Kennedy
Domestic Blues
[E-Squared 1998]

TRACKLIST: 1. Long Time A Comin // 2. The Way I Love Her // 3. Unforgiven// 4. Domestic Blues // 5.I've Fallen In Love // 6. Vampire // 7. Angel Is The Devil // 8. The Backroom // 9. "Mostly Water // 10. The Ghosts of Belfast // 11. My Money // 12. The Shankill and the Falls

File Under: irish country

di Fabio Cerbone


per Bap Kennedy (17 giugno 1962 – 1 novembre 2016)


Un'anima divisa fra il lirismo ferito della sua Belfast e l'amore per l'America di Hank Williams (a cui dedicherà un adorabile tributo, dal geniale titolo di Hillbilly Shaklespeare), Bap Kennedy ha tenuto insieme due tradizioni e due sentieri musicali spesso convergenti. L'unione fra country d'autore e celtic soul in lui aveva il respiro di altri grandi protagonisti, che hanno guardato oltreoceano per agguantare la propria ispirazione. Non è un caso che in carriera il piccolo Bap abbia avuto la fortuna e la tenacia di incontrare sul suo cammino sia Van Morrison (che partecipò alle registrazioni di The Big Picture, album del 2005), sia Mark Knopfler (produttore del più recente The Sailor's Revenge, forse il vertice personale dell'artista), come lui europei (e isolani) innamorati di una mitologia americana, imbevuti di quelle memorie musicali, ma anche fieri portavoce del canto della propria terra.

Senza le stesse visioni e le vette artistiche dell'irlandese Van, senza le qualità tecniche dello scozzese Mark, Bap Kennedy ha costruito il suo ruolo di ambasciatore "minore", eppure essenziale, dell'attrazione fatale di cui sopra. Lo ha fatto attraverso una costante maturazione in qualità di autore, caratteristica che già emergeva nella sua prima importante avventura artistica, alla guida degli Energy Orchard, e che conobbe la sua rivelazione nell'incontro con Steve Earle in territorio di Nashville. Era la metà degli anni novanta, i due si erano incrociati ripetutamente nel corso delle precedenti stagioni: nei tour europei di Earle e nelle sortite americane degli stessi Energy Orchard, che divennero presto testimoni di un rock proletario dagli aromi soul e folk. Carriera fulminea e poco lodata la loro, anche se supportata da un contratto importante con la MCA, finita in una manciata di dischi e almeno un piccolo classico chiamato "Shinola". Earle viveva in quegli anni la sua discesa agli inferi, ma anche la sua lenta e vittoriosa risalita: da sempre invaghito dello spirito rock'n'roll che serpeggiava nelle band irlandesi (basti ricordare la sua collaborazione con i Pogues per Johnny Comes Lately), si annotò il nome di quel giovane songwriter alla guida degli Energy Orchard e quando ebbe bisogno di infoltire la scuderia della sua neonata E-Squared - etichetta indipendente che fondò nel '95, di ritorno dal castigo del carcere e della droga, con l'amico produttore Ray Kennedy - chiamò il buon Bap, invitandolo a saltare sul primo aereo per il Tennessee.

In questo clima di reciproca stima artistica e nella totale fiducia di Kennedy per il suo nuovo pigmalione americano, prende forma l'esordio solista di Bap, Domestic Blues. È senz'altro il suo disco più "yankee" nei colori e negli accenti, ma mai strappato dalle profonde radici irish. È anche quello che gode di una maggiore esposizione internazionale e che gli apre la possibilità di investire in un nuovo pubblico. Ciò che conta tuttavia è soprattutto il frutto di un bagalio di canzoni che Bap si porta appresso dopo la dolorosa chiusura dei sogni di gloria cullati insieme agli Energy Orchard. Nonostante una discreta accoglienza della stampa americana, che si accorge della scrittura romantica e accorata di Bap, e un lusinghiero comportamento nelle classifiche di vendita, anche grazie al nascente interesse per il mondo del cosiddetto "alternative country", a suo tempo Domestic Blues soffre un po' in sordina davanti ad altre rivelazioni di stagione, nonchè a causa della zoppicante promozione della stessa E-Squared. Avrebbe invece meritato ben altra esposizione, tracciando infine la direzione futura dell'intera carriera di Bap, nei suoni come nelle tematiche.

Avrebbe meritato non tanto o non solo per la produzione di Steve Earle, o per la serie di illustri ospiti rastrellati nella crema musicale di Nashville (la voce Nancy Griffith, il mandolino di Peter Rowan e il dobro di Jerry Douglas), quanto per la cristallina bellezza del suo country rurale e l'ingenua grazia delle liriche. Un'insolita scoperta (poi confermata dai successivi Hillbily Shakespeare e Lonely Street), perchè proveniva dalla voce solista degli Energy Orchard e da una specie di "espatriato" per natura, un musicista che sembrava restituire un sensibilità diversa a quelle radici musicali. Il primo vagito di Bap Kennedy conquista senza fare chiasso, con l'equilibrio della semplicità: dalla vivace apertura di Long Time Comin' alla tenerezza acustica e pigra di The Way I Love Her, Mostly Water e I've Fallen in Love, dal rotondo country-blues della title track fino ai colori della terra natia riflessi in The Ghost of Belfast (con tanto di tin whistles) e nella conclusiva The Shankill and The Falls, è una raccolta di docili ballate dal cuore acustico, sulla falsariga del capolavoro inciso da Steve Earle pochi anni prima, Train a Comin' - e guarda caso quest'ultimo donerà a Bap la sua Angel is the Devil, unica cover presente - canzoni abbellite da una strumentazione che sa di antico, di portici e country blues all'imbrunire, tra mandolini, dobro, lap steel, violini, e una band di tutto rispetto, che sa come toccare le corde giuste del sentimento, mischiando sapori d'Irlanda e hillbilly invecchiato in botti di rovere.

Se proprio si vuole muovere un appunto al debuttante Bap Kennedy di Domestic Blues, è forse l'eccessiva dipendenza dal suo mentore Steve Earle, che in ogni caso spende sempre generose parole di incoraggiamento per l'irlandese gentile di Belfast. Domestic blues finisce così per presentarsi all'appuntamento con la storia come un album completamente avverso alle mode del momento, lontano persino dal gesto elettrico del contamporaneo e più appetibile suono "No Depression" o roots rock che dir si voglia. Sprigiona però una propria poetica, quasi dimessa, che poggia sul gesto cordiale, domestico per l'appunto, e volutamente retrò delle melodie, che preferisce cantare in sottovoce, svelando così il carattere stesso di Bap Kennedy. Un gentiluomo di Belfast.

 


    


 

info@rootshighway.it