:: Recensioni
 

Vai alle altre rubriche:

Il blog HighwayItaly

Ultime novità:


Miami & The Groovers
The Ghost King


Enrico Farnedi
Auguri Alberta


Bobo Rondelli
Come i carnevali


Francesco Rebora
Blues Mirror


Stefano Barotti
Pensieri verticali


Il resto della ciurma:

Jama Trio
11:11

Sugar Ray Dogs
Mexi-Cola

Alice Pisano
Something Good

Midnight Breakfast
Close to the Wall

Luca Loizzi
Canzoni quasi disperate

Underground Railroad
Growing Tree

T-Roosters
Dirty Again

Andrea Arnoldi e Il Peso del Corpo
Le cose vanno usate le persone vanno amate

Salvo Ruolo
Canciari Patruni 'un E' L'bittà

Rusties
Dalla polvere e dal fuoco

Emiliano Mazzoni
Cosa ti sciupa

Fabrizio Poggi & Chicken Mambo
Spaghetti Juke Joint

Stefano Galli
Focus

On the Road Quartet
N.O. Dreaming

Guano Padano
Americana

Lowlands
Love Etc.

Letlo Vin
Song for Takeda

Cheap Wine
Beggar Town

Ismael
Tre

Dave Moretti Blues Revue
That's Swing

Dany Franchi Band
I Believe

Francesco Piu
Live at Bloom

La Rosa Tatuata
Scarpe

Veronica Sbergia and The Red Wine Serenaders
The Mexican Dress

Verily So
Islands

Pulin & The Little Mice
Hard Times Come Again No More

The Remington
Italian Market

The Comet
Nothing But the Wind

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page

Made in Italy   cose di casa nostra

 
 

Gnola Blues Band
Down the Line
[Appaloosa/ IRD 2015]

www.gnolabluesband.com

File Under: down the southern line

di Domenico Grio (24/06/2015)

Con questo Down the Line la band di Maurizio "Gnola" Glielmo, storico pilastro della scena blues italiana, ha messo un bel punto esclamativo alla sua già importante carriera. Con una formazione in parte rinnovata (al tastierista Roger Mugnaini, si aggiungono infatti Paolo Legramandi al basso ed alle voci ed il batterista e polistrumentista Cesare Nolli) e nobilitata in due brani del disco, Ventilator Blues (unica cover, estratta da Exile on Main St. degli Stones) e Room Enogh, dalla presenza del pianista Chuck Leavell, la Gnola Blues Band ci consegna un lavoro straordinario, un viaggio a cento miglia orarie, senza alcun obbligo di fermata, nella più vivida cultura musicale degli States. Si parte da Chicago, si attraversa il Midwest e si arriva nel profondo sud, finestrini spalancati e una scia di note da lasciare sull'asfalto delle interstate highways o da mischiare alla polvere delle freeways meno battute.

Il blues, nelle sue varie declinazioni, è il punto di origine ma il rock e la tradizione roots dei "visi pallidi" d'America si impasta a dovere nel lessico musicale della band di Maurizio "Gnola" Glielmo e il risultato è un sound potente, pieno, caldo, suggestivo a cui è impossibile non associare paesaggi e profumi d'oltreoceano, in una sorta di immaginifico road-movie domestico. A cesellare i vibranti racconti sonori affidati alla voce dalla timbrica ruvida e matura di Maurizio, ci sono soprattutto le chitarre che solo raramente cedono la scena ai più discreti disegni melodici del piano (eccezion fatta per i due brani con Chuck Leavell), in mezzo si insedia prepotentemente una sezione ritmica massiccia, precisa ed instancabile. Down the Line finisce così per essere una sorta di magnifico compendio del suono d'America e, perché no, dell'intero percorso musicale di questi intransigenti cavalieri metropolitani, battezzati idealmente nelle acque del Mississippi e spiritualmente in perenne trasmigrazione lungo la Route 66. Muddy Waters, Buddy Guy, Bo Didley, John Lee Hooker ma anche gli Allman Bros, gli ZZ Top, Steve Earle e John Hiatt e persino Jimi Hendrix e i Rolling Stones, i riferimenti alle icone della musica nera, del southern rock, del boogie stradiaolo e corrosivo e delle ballad country-rock, si sprecano.

La Gnola Band viaggia su livelli d'eccellenza e non soffre certo di alcun complesso di inferiorità nei confronti degli "originali" anzi, è bene essere chiari, Maurizio Glielmo e soci di taroccato non hanno proprio nulla, sono made in U.S.A. alla stregua di un Mcintosh o di un Levi's anni 70. Difficile fare una selezione mirata dei brani, il disco non soffre di cali di tensione e, giusto per dare qualche coordinata in più, ci piace segnalare Four Burning Flames (coinvolgente roots song), una rovente Ventilator Blues, la biografica The Ghost of King Street (scritta in collaborazione con Edward Abbiati dei Lowlands), l'Hendrixiana Fallen Angels e i due pezzi finali, I've Been There Before e Dangerous Woman Blues (più southern la prima, una sorta di power electric blues la seconda). Complimenti quindi a Maurizio Glielmo ed alla Gnola Blues Band e se è vero che, come dice il bravo recensore, non hanno inventato nulla, è anche certo che dodici battute e "dintorni" possono bastare, per chi sa davvero maneggiarle, a raccontare storie di musica che bruciano di passione e vivono di un energico contatto col cuore ed i muscoli di chi ama farsi scuotere dalle emozioni.