:: Recensioni

Vai alle altre rubriche:

Consulta anche:
Il blog HighwayItaly

Ultime novità:

Letlo Vin


Cheap Wine


Ismael


Dave Moretti Blues Revue


Il resto della ciurma:
Dany Franchi Band
Francesco Piu
La Rosa Tatuata
Veronica Sbergia and The Red Wine Seerenaders
Verily So
Pulin & The Little Mice
The Remington
The Comet
Giulia Millanta
Matt Waldon
Massimiliano Larocca
Michele Anelli & Chemako
Alessandro Battistini
Little Angel & The Bonecrashers
Milanese Re Bertolotti
Reverend & The Lady
The Piedmont Brothers Band
Mandolin' Brothers
Paolo Bonfanti
Soul Pains
Angelica Mente
Massimo Valli
Fabrizio Poggi & Chicken Mambo
Miami & The Groovers
Marco Corrao
Luca Milani
Cesare Carugi
2Hurt
Taccona Blues band
Paola Ronci
Dodo Harmonica Kid & Gluck
Lorenzo Bertocchini
Sugar Ray Dogs
Luca Rovini
Evasio Muraro
Manuel Volpe
Lovespoon
Ernesto De Pascale
Fano
Stephane TV & Martiné records
Pietro De Luca & Big Fat Mama
Hernandez & Sampedro
J Sintoni
Ruben Minuto & Matteo Ringressi

W.I.N.D.
The Field/ Thomas Guiducci/ Marcello Milanese/ The Running Chickens
Mojo Filter
Daniele Tenca
Lux
Andrea Van Cleef
Orchestra del Rumore Ordinato
Don Juan and The Saguaros
Alex Cambise
0039
Mad Tubes
James River Incident
Maria Olivero
Nerves & Muscles
Cheap Wine
Chiara Giacobbe
Wanna Be Startin' Something
Johnnie Selfish & The Worried Men

Archivio "Made in Italy"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page
powered by FreeFind

Made in Italy   cose di casa nostra

 
 

Lowlands
Love Etc...
[Harbour Songs/ IRD 2014]

www.lowlandsband.com

File Under: soul americana orchestra

di Fabio Cerbone (21/10/2014)


Non c'è verso: Edward Abbiati e i Lowlands non riescono a stare fermi. Il sesto capitolo della loro avventura discografica - al netto di ep e collaborazioni varie (ricordiamo il recente Me and the Devil con Chris Cacavas) - cambia ancora le carte in tavola. Love Etc… è infatti l'ennesima capriola musicale, compiuta con tutta la convinzione necessaria e senza per questo stravolgere il cuore delle canzoni firmate da Abbiati, che restano al centro di questa esperienza, a metà strada fra l'Inghilterra e la provincia pavese.

Innegabile l'inversione di rotta dalle atmosfere più elettriche e bluastre del predecessore Beyond: siamo passati dalle "strade di fuoco" e da un folk rock con anima punk, a ballate che rispolverano romanticismo e melodie scandite in gran parte da atmosfere acustiche. Nella band nuovi ingressi hanno fatto capolino, modificando una volta di più la mappa genetica della loro musica: ci sono Alex Cambise (chitarre e mandolino) e Mattia Martini (batteria) ad affiancare vecchie e nuove conoscenze del gruppo, quali Roberto Diana, Francesco Bonfiglio e "Rigo" Righetti, ma soprattutto un'intera sezione fiati a caratterizzare il repertorio. È quest'ultimo l'innesto più significativo, insieme alle presenze internazionali di David Henry (violoncello e violino), Mike Slo Mo Brenner (lap steel) e Richard Hunter (armonica), che spinge i Lowlands nella direzione di un suono "unplugged", dove parole e musica cercano un flusso continuo.

La coesione tematica del disco è dettata dall'amore e dalle difficoltà di relazione: abbondano riferimenti alla vita personale e ai rapporti di coppia, spesso con sovrapposizione di rimorsi e memorie, che si accavallano a momenti di felicità. Tutto questo si è tradotto nel sound particolare di Love Etc…, un disco essenzialmente folk nella sua natura più profonda, ma colorato da suggestivi elementi di celtic soul, persino di swing, che riccorrono negli arrangiamenti. La stessa title track, la solare leggerezza della melodia che percorre brani quali You, Me, The Sky & The Sun e Happy Anniversary o nel finale Doing Time, mette insieme i paesaggi acustici dei Waterboys con l'alternative country dei primi Marah e l'Asbury sound più agrodolce, evocando in qualche occasione la formula tra soul e irish folk dei dimenticati Dexys Midnight Runners.

In generale il clima dell'album è pacato, teneramente malinconico, nonostante le asperità della voce di Abbiati: soffusa è l'introduzione di How Many con steel e violoncello e altrettanto si rivela I Wanna Be, in cui la radice soul della piccola orchestra improvvisata dai Lowlands sostiene la delicatezza delle armonie. Nel conto di questa trasformazione andrebbero annoverati anche il piano e l'accordion di Bonfiglio, che tengono spesso per mano le canzoni: dal docile sobbalzare di Wave Me Goodbye, con l'armonica di Richard Hunter in sessione, al gioioso rollare country blues di My Baby, arricchita dalla slide dell'ospite Maurizio "Gnola" Glielmo. Questo gioco di contrasti tra liriche spesso amare (carattere evidente in Still I Wonder, Can't Face the Distance) e una musicalità quasi disarmante è lo sbocco naturale di Love Etc…

In soli sei anni di incisioni ufficiali i Lowlands hanno alimentato una piccola, importante storia, provando ogni volta a dire qualcosa di diverso, pur frequentando la stessa lingua folk americana.