:: Recensioni
 

Vai alle altre rubriche:

Ultime novità:


Sterbus
Let Your Garden Sleep In


Luca Milani
Warriors Grow Up and Die


Paolo Ercoli
Why Not


Smallable Ensemble
Plays the Music of John Lennon

Il resto della ciurma:

Gigowatt
Rock'n'roll in the Country

Cek Franceschetti
Sarneghera Stomp

Michele Anelli
Sotto il cielo di Memphis

Andrea Van Cleef &
Diego Deadman Potron
Safari Station

Andrea Parodi
Zabala

J. Sintoni
Backroads

An Early Bird; Dinelli; De Francesco; Sirio

The C.Zek band
Samsara

Radio Days
Rave On!

Spookyman and The All Nighters
Blood Sweat and Tears

Marco Sonaglia
Ballate dalla grande recessione

Don Antonio
La bella stagione

Mauro Ferrarese
Walkin'

Staggerman; Giuli Larovere; John Strada; Alessandro Tomaselli

Dust & the Dukes
Dust & the Dukes

Lovesick Duo
All Over Again

Luca Rovini & Companeros
L'ora del vero

David Place
Pandora's Box

Henry Carpaneto
Pianissimo

Ruben Minuto
The Larsen's Sessions

Phill Reynolds
A Sudden Nowhere

Stefano Barotti; Franzoni Zamboni; Thefinger; Spacepony

Paolo Bonfanti
Elastic Blues

Francesco Montesanti
Here Comes the Devil

Leandro Diana
Dirty Hands and Gravel Roads

Nero Kane// Odla// Roberto Menabò// The Fullertones

Max Prandi & Lino Muoio
Outtakes from the Tiny Room

Ale Ponti
Dead Railroad Line Chronicles

An Early Bird; James Meadow

Godspell Twins
Badtism

Hat in the Garrett
Songs from the Garret

Oh Lazarus
Sailing

Fabrizio Poggi; Roberto Formignani; Enrico Scerra; Luca Rovini

Enrico Cipollini & The Skyhorses
Crossing

Settore Out
fANTASMI

Veronica Sbergia Quartet
Don't Knock!!!

Stefano Barigazzi
Sitting Singin' Old Songs

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


Made in Italy   cose di casa nostra
Condividi


 
  Francesco Piu
Live in France
[Appaloosa/ IRD 2021]

Sulla rete: francescopiu.com

File Under: blues & groove


di Pie Cantoni (12/12/2021)

Cosa succede se si uniscono uno dei più bravi chitarristi acustici italiani con uno dei più bravi chitarristi slide, sempre made in Italy? La risposta è Groovy Brotherhood. Sentire Francesco Piu e Roberto Luti suonare insieme è un’occasione unica di poter apprezzare due musicisti nostrani talentuosi accompagnati dagli altrettanto bravissimi Davide Speranza all’armonica e Silvio Centamore alla batteria. Francesco Piu ormai è un nome molto noto del panorama blues italiano, vanta collaborazioni eccellenti e un curriculum notevole; Roberto Luti ha dalla sua una lunga esperienza con Luke Winslow King, oltre ad aver prestato la sua chitarra per Playing for Change, mentre Centamore e Speranza sono musicisti che, oltre ad avere una propria carriera, da molto tempo collaborano con il bluesman sardo sia sui palchi che in sala di registrazione.

Questo Live in France, edito da Appaloosa, è stato registrato dal vivo il 24 settembre 2021 al Théâtre Municipal di Sens, per celebrare, oltre che il ritorno sui palchi dopo lo stop a causa della pandemia, soprattutto la fratellanza dei quattro musicisti. Si parte con il brano Down on my Knees, originale di Piu, tratto dall’album Ma-Moo Tones, in versione più rock e percussiva con una chitarra acustica distorta e il ritmo battuto sui tom. Si passa poi ad uno dei brani che Francesco suona ormai in pianta stabile in tutti i conterti, Jesus is on the Mainline, un gospel ripreso da molti, qui però in versione indiscutibilmente più andante. Di groove, facendo fede al nome del gruppo, ce n’è sicuramente tanto e si sente la grande intesa che scorre tra i quattro. Arrembante anche la versione del classico brano del 1979 di Dylan, Gotta Serve Somebody. Un altro brano che è diventato ormai parte immancabile degli show di Piu è Trouble So Hard, che qui diventa quasi un mantra blues.

Grande spazio viene inoltre lasciato a diversi brani dell’ottimo Peace & Groove fra cui You Feed my Soul, In the Cage of Your Love, Black Woman, Mother e Hold On. In versione ipnotica/desert session invece Overdose of Sorrow tratta sempre da Ma-Moo Tones, disco del 2012 prodotto da Eric Bibb. Trouble no More chiude questa raccolta live tra funk, soul, blues, gospel per un gran disco dal vivo, canzoni che ormai sono degli “evergreen” nel repertorio del bluesman sardo e una bella fratellanza di groove che speriamo di rivedere presto in giro sui palchi europei, sia per il piacere dei brani, sia per poter ammirare quattro musicisti di eccellenza esclusivamente made in Italy.