:: Recensioni
 

Vai alle altre rubriche:

Il blog HighwayItaly

Ultime novità:


Alice Pisano
Something Good


Midnight Breakfast
Close to the Wall


Luca Loizzi
Canzoni quasi disperate


Underground Railroad
Growing Tree

Il resto della ciurma:

T-Roosters
Dirty Again

Andrea Arnoldi e Il Peso del Corpo
Le cose vanno usate le persone vanno amate

Salvo Ruolo
Canciari Patruni 'un E' L'bittà

Rusties
Dalla polvere e dal fuoco

Emiliano Mazzoni
Cosa ti sciupa

Fabrizio Poggi & Chicken Mambo
Spaghetti Juke Joint

Stefano Galli
Focus

On the Road Quartet
N.O. Dreaming

Guano Padano
Americana

Lowlands
Love Etc.

Letlo Vin
Song for Takeda

Cheap Wine
Beggar Town

Ismael
Tre

Dave Moretti Blues Revue
That's Swing

Dany Franchi Band
I Believe

Francesco Piu
Live at Bloom

La Rosa Tatuata
Scarpe

Veronica Sbergia and The Red Wine Serenaders
The Mexican Dress

Verily So
Islands

Pulin & The Little Mice
Hard Times Come Again No More

The Remington
Italian Market

The Comet
Nothing But the Wind
Giulia Millanta
The Funambulist

Matt Waldon
Learn to Love

Massimiliano Larocca
Qualcuno stanotte

Michele Anelli & Chemako
Michele Anelli & Chemako

Alessandro Battistini
Cosmic sessions


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page
 

Made in Italy   cose di casa nostra

 
 

Stefano Barotti
Pensieri verticali
[OrangeHome Records 2015]

www.stefanobarotti.net

File Under: pensieri d'autore

di Domenico Grio (21/04/2015)


La conclusione a cui inevitabilmente si giunge ascoltando le 14 tracce di questo Pensieri Verticali, è che nella nostra amena penisola, dove di recente si fa un gran parlare di meritocrazia, le opportunità migliori, i soldi, il successo sono sempre appannaggio esclusivo degli amici, parenti ed affini dei "soliti noti". E' semplicemente scandaloso che un musicista con le straordinarie qualità di Stefano Barotti debba fare una fatica indicibile per aprirsi un minimo varco nel mondo dello show-business. Ed è bene chiarire che la colpa di tutto ciò non vada ascritta alla scarsa cultura musicale degli italiani che, al contrario, in una ragionevole percentuale, sanno apprezzare e riconoscere la buona musica, ma vada attributa unicamente alla grettezza mentale di discografici, pesudo direttori artistici e selezionatori televisivi che ci impongono personaggi la cui arroganza è pari solo alla vacuità del loro essere e per i quali dovrebbe essere appositamente istituito il reato di "occupazione abusiva di palcoscenico".

Uno come Barotti a Sanremo potrebbe partecipare e vincere a mani basse per i prossimi 10 anni (ammesso che questa possa essere una sua concreta aspirazione) e potrebbe persino aiutare ad indirizzare verso migliori lidi una società sprofondata nella sconcertante deriva dell'apparire. La delicatezza de L'uomo Armadillo, una elegante pop song impreziosita da un flauto che rievoca le atmosfere colte del folk di stampo anglosassone (Nick Drake, citato peraltro più volte nel disco), dalle doppie voci di matrice vagamente west-cost e persino da una minuscola citazione a Frank Zappa (l'Armadillo Brillo ricorda forse il Camarillo Brillo di Over-Nite Sensation), ci dà subito l'esatta misura delle raffinate qualità compositive e di scrittura di Barotti. Stefano sa elaborare canzoni praticamente perfette nella loro semplice struttura e sa renderle fruibili e vitali. Ha la passione tipica di coloro i quali usano la musica per esplorare in profondità il proprio intimo e renderlo accessibile agli altri, che hanno divorato vinili e tradotto in una originale sintesi la vasta gamma di stili, di suoni, di sensazioni incamerati. De Gregori (La ragazza), De Andrè e Bubola (Nerone) sono i numi tutelari ma anche l'ironia e la genuità espressiva di Ivan Graziani hanno lasciato splendide tracce (Blues del cuoco e Giudizio non ho), così come i richiami ai songwriters americani, vecchi e nuovi, si sprecano (Bob Dylan, Damien Rice e Matthew Ryan, giusto per semplificare).

Il risultato è un album, il terzo, davvero ben fatto, una raccolta di brani splendidi ed efficaci nella loro costruzione melodica, in cui la raffinatezza dei testi si sposa in toto con la dolcezza e l'essenzialità espressiva di Stefano (le parole scivolano sempre nitide e seducenti), suonato alla grande (c'è la partecipazione di gente del calibro di Jono Manson, Paolo Bonfanti, Max De Bernardi, Henry Carpaneto, Kreg Viesselman, John Egenes, Matteo Giannetti, Vladimiro Carboni, Luca Silvestri, Nico Pistolesi, Echo Sunyata Sibley) ed arrangiato ancora meglio (Raffaele Abbate ha fatto un lavoro semplicemente egregio). Detto ciò conviene senza dubbio avvinarsi ai Pensieri Verticali di Barotti, al suo mondo parallelo e anticonvenzionale, fatto di amori, ricordi, sogni ed immagini lontane dagli schemi, viste e narrate dall'alto, da una visuale privilegiata, oltre quelle nuvole che coprono un universo dove le cose quotidianamente svaniscono afflitte nell'ovvietà di accadimenti che seguono solo la logica di un sistema arenato nel "pensiero orizzontale".