:: Pneumonia menù
 


Ultime recensioni:


Bob Malone
Mojo Live. Live at the Grand Annex


Son of the Velvet Rat
The Late Show


Autori Vari
Epilogue. A tribute to John Duffey


Autori Vari
When The Wind Blows. The Songs of Townes Van Zandt

Cose recenti, archivio Pneumonia:

Bettye Lavette
Things Have Changed

Chantal Acda & Bill Frisell
Live at Jazz Middelheim


Autori Vari
Hummingbirds & Helicopters


Usher's Island
Usher's Island


US Rails
We Have All Been Here Before

Autori Vari
Chicago Plays The Stones

Nathaniel Rateliff & The Night Sweats
Live at Red Rocks

Steve Winwood
Greatest Hits Live

Joan Osborne
Songs of Bob Dylan

Van Morrison
Roll with the Punches

Hard Working Americans
We're All in This Together

Mavis Staples
I'll Take You There: An All-Star Celebration

Willie Nile
Positively Bob. Willie Nile Sings Bob Dylan

Tom Russell
Play One More.
The Songs of Ian & Sylvia


Bonnie Prince Billy
Best Troubadour

Tedeschi Trucks Band
Live from the Fox Oakland

Autori Vari
The Musical Mojo of Dr. John. celebrating Mac and His Music

The Rolling Stones
Blue & Lonesome

Lowlands and Friends
Play Townes Van Zandt's Last Set

John Prine
For Better, Or Worse

Billy Bragg & Joe Henry
Shine a Light: Field Recordings from the Great American Railroad

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Pneumonia   boxes, tributes & live records

 
 

Jason Isbell & The 400 Unit
Live from the Ryman
[Southeastern/ Goodfellas 2018]

jasonisbell.com

File Under: a live celebration

di Fabio Cerbone (27/10/2018)

Quanti avrebbero scommesso sulla carriera esplosiva di Jason Isbell undici anni fa, allor quando il chitarrista e autore dell'Alabama lasciava il lido sicuro dei Drive-By Truckers, e un ruolo sempre più prominente all'interno della band, per affrontare un viaggio solista ricco di incognite? Nell'arco di sei dischi di studio, con la maturazione del sound in combutta con i 400 unit, Isbell ha invece conquistato un posto al sole dell'Americana, diventando di fatto l'artista di punta del genere e consacrando questa posizione attraverso un'incetta di premi ai Grammy Awards e presso l'Americana Music Honors & Awards. La benedizione del music business e l'impennata di popolarità e vendite è giunta soprattutto con gli ultimi tre lavori, dalla svolta più intimista di Southeastern al gemello Something More than Free, per compiere quindi una sintesi in The Nashville Sound nel 2017.

Proprio a Nashville, nel tempio country del Ryman Auditorium, si sono tenute le sei serate consecutive del più recente tour con i 400 unit, un 'sold out' prevedibile da cui scaturiscono le registrazioni del qui presente Live from the Ryman, innegabile celebrazione del momento di gloria e fotografia fedele dell'intesa raggiunta sul palco con il gruppo, qui cementato dalla sezione ritmica formata da Chad Gamble e Jimbo Hart, dalle tastiere di Derry DeBorja e dai preziosi controcanti strumentali della compagna di vita Amanda Shires al violino e del funambolico chitarrista Sadler Vaden. È il quarto live ufficiale nella discografia di Isbell, segno che la proposta dal vivo è condivisa come un passaggio di crescita, una messa alla prova per lo sviluppo delle sue canzoni e del rapporto con i musicisti. Erano apparsi, infatti, il mini Live at Twist & Shout, che testimoniava le prime avvisaglie del dopo Drive-By Truckers, quindi il più sostanzioso Live from Alabama, arrichito da qualche intervento di una sezione fiati, ma assai più scarno e sudista nella resa sonora rispetto ad oggi, quindi una pubblicazione limitata per il Record Store Day (Live From Welcome To 1979).

Live from the Ryman sfoggia subito intenzioni auto-elogiative, forse anche eccessive, scegliendo tredici brani che volutamente pescano dal repertorio più recente (ben cinque da The Nashville Sound, quattro a testa da Southeastern e Something More than Free), a rimarcare i trionfi di queste stagioni e il suono che gira nella testa di Isbell e dei 400 Unit in questo passaggio storico. Messi da parte dunque sia le succose cover, che di tanto in tanto popolavano la scaletta, sia soprattutto alcuni tra gli episodi più interessanti di Here We Rest o dell'omonimo Jason Isbell and the 400 Unit, ancora adesso tra i frutti migliori della sua carriera. L'effetto è quello di apprezzare l'evoluzione in positivo degli arrangiamenti in brani quali Cumberland Gap, Hope the High Road, la trascinante resa di Last of my Kind o White Man's World, rispetto alle versioni di studio, che non sempre si erano mostrate all'altezza (The Nahsville Sound continua a sembrarmi il disco meno efficace dell'intera produzione di Isbell, a lambire pericolosamente note di mestiere).

Isbell è indubbiamente carico nell'interpretazione, compresi errori e ingenuità passionali nella voce, comunque una delle sue armi migliori: il trasporto è fuori discussione e i momenti più acustici e confessionali, quali Flagship, la commovente Elephant e Cover Me Up documentano la qualità del songwriting e il ruolo indiscutibile che l'artista ha occupato all'interno del linguaggio Americana odierno. Nell'approccio heartland rock più plateale di Flying Over Water, della citata Hope the High Road e nei bis con Super 8 la band appare invece energica, trascinante senza dubbio, e tuttavia un po' costretta all'interno della sua formula. Che resta in fondo il tratto distintivo di tutto Live at the Ryman, compresa un'incisione non esattamente all'altezza delle intenzioni: in presa diretta (niente soundboard?), pare inseguire volutamente la spontaneità e un pizzico di "sporcizia", che peraltro non può emergere più del dovuto da uno stile come quello dei 400 unit. Questa scelta sembra azzoppare in parte il disco, al netto della qualità media delle canzoni, che restano chiaramente tra le espressioni più riuscite delle scena rock tradizionalista attuale.

Al prossimo capitolo in studio spetta chiarire se Isbell vorrà lanciarsi ancora di più "down in the mainstream" o provare a scuotere l'albero delle sue canzoni: Live at the Ryman non vuole e non potrebbe neppure risolvere la questione.


    

 

 

info@rootshighway.it